APT Basilicata

APT Basilicata

Basilicata turistica

Angioini e Aragonesi

Alla morte di Federico II, nel 1250, la lotta per la successione fu terribile e non terminò che diciotto anni dopo, con la sconfitta di Corradino di Svevia: Carlo d'Angiò aveva vinto e per la Basilicata era cominciato un lungo periodo di decadenza.

La popolazione era drasticamente diminuita e la regione venne suddivisa in enormi feudi assegnati ad un paio di grandi famiglie e alla Chiesa, che con le sue abbazie e i suoi vescovi prese a gestire immense ricchezze che permisero la costruzione di chiese e monasteri in tutta la regione. In questo periodo si scatenò una pulizia etnica che portò alla cacciata dei Saraceni, degli Ebrei e dei Monaci di rito greco.

Con la salita degli Aragonesi al trono di Napoli e l'arrivo di moltissimi immigrati in fuga dall'impero d'Oriente caduto sotto il dominio turco, la Basilicata conobbe un certa ripresa economica e demografica.

Approfondimenti:


Cerca nel sito