APT Basilicata

APT Basilicata

Basilicata turistica

Le terme in Basilicata

In una regione tanto privilegiata dalla natura come la Basilicata, non mancano sorgenti termali con acque e fanghi adatti a ridare benessere e tonicitá a qualsiasi persona. Le località dotate di stabilimento termale sono a Latronico nel Parco Nazionale del Pollino e a Rapolla nel comprensorio del Vulture.

 


Terme La Calda

Località La Calda-Latronico - Tel. 09737/8597/79 - direzione Tel. e Fax 0973/859201 - apertura: 1 giugno-15 ottobre.

Conosciute sin dalla preistoria, le proprietà curative delle acque delle sorgenti di Calda sono utilizzate in stabilimento soltanto da pochi anni. Situate a 730 m s.l.m., in localitá Bagni a 4 km da Latronico, le Terme La Calda sono facilmente raggiungibili percorrendo l'autostrada Salerno-Reggio Calabria (A3) uscendo a Lauria per immettersi sulla superstrada Sinnica (SS 653) e giungere dopo circa 15 km a Latronico. Nello stabilimento termale La Calda, che sfrutta sorgenti bicarbonato-calci-che e bicarbonato-calciche-solfuree, si praticano bagni, inalazioni, aerosol, nebulizzazioni, irrigazioni, polverizzazioni, cure idropiniche, cure balneo-fango-terapiche. Sono attivi un centro di fisioterapia e di terapia riabilitativa, un centro estetico e di rimessa in forma, un centro sportivo polivalente con piscine termali e grotte essudative. Presso le Terme La Calda si curano patologie quali: osteoartrosi primaria, reumatismi fibro-miositici, malattie dell'orecchio, naso e gola, dell'apparato respiratorio, dell'apparato digerente, del fegato e delle vie biliari, malattie della pelle e flebopatie. Nel tempo libero è possibile praticare sport o fare delle splendide escursioni nel Parco Nazionale del Pollino, o ancora godersi il mare limpido della vicina Maratea e gustare i sapori di una cucina dichiaratamente mediterranea.

 

Terme di Ala

Via Melfi, 142 - 85027 Rapolla - Tei. e Fax 0972/760113 - apertura: da maggio a fine novembre.

Lo stabilimento termale è nato alla fine del XIX secolo nel centro medievale di Rapolla. Situata a 450 m s.l.m., Rapolla è facilmente raggiungibile percorrendo l'autostrada Napoli-Bari (A16), uscendo a Candela, proseguendo poi per Melfi, oppure percorrendo l'autostrada Bologna-Bari (A14) fino, all'innesto con la Bari-Napoli (A16) immediatamente dopo Cerignola, proseguendo per uscire a Candela e poi verso Melfi. In treno è raggiungibile seguendo la tratta Foggia-Potenza fino a Melfi, 6 km da Rapolla, o fino alla stazione Rapolla-Lavello sulla tratta Spinazzola-Rocchetta.

Le Terme di Ala sfruttano le proprietà di acque salso-solfato-bicarbonato-cal-ciche provenienti da tre sorgenti in contrada “Orto del Lago” a Rapolla. Tali acque sono utilizzate in balneoterapia per la cura di malattie dismetaboliche, distonie neurovegetative, malattie del sistema nervoso periferico, alcune nevrosi, disendocrinie, postumi di malattie articolari e malattie cutanee croniche. Con le inalazioni si curano malattie delle vie respiratorie, affezioni della faringe, della laringe, delle vie bronchiali, asma bronchiale e bronchite asmatiforme. Le inalazioni aiutano anche a fluidificare ed eliminare il muco residuo. I fanghi sono idonei per la cura di manifestazioni fibrositiche, malattie del sistema nervoso periferico quali sciatica, mialgie, malattie periarticolari, osteoartrosi poliarticolare, spondiloartrosi, nodi di Heberden, rizartrosi, reumatismo uricemico, nevralgie, radicolalgie e nevriti secondarie a osteoartrosi, gotta articolare, artropatie dismetaboliche del reumatismo, reumatismo muscolare, miositi, fango addominale negli esiti di colecistectomia. I fanghi sono utilizzati anche per terapia cosmetica. In questa zona le possibilità di escursioni sono diverse, relativamente al tempo libero che si viene a creare tra una cura e l'altra: ricordiamo, infatti, che Rapolla è sita nel comprensorio del Vulture, zona ricca di storia e di natura. Inoltre a Rapolla e nelle zone limitrofe vi sono attrezzati campi da tennis, piscine, centri di equitazione e bocciodromi, senza dimenticare peraltro gli ottimi ristoranti e le numerose cantine dove si produce il pregiato Aglianico del Vulture doc.


Cerca nel sito