I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


A li Pecernise da Teognide

Dire > Poesie > Picerno

Tratta da “LU MONNE SCAPPA lirici greci in dialetto picernese” di Mario Romeo - Editore Salice

Galloitalico

A LI PECERNISE DA TEOGNIDE

Pecernise ve v˛glie bbŔ.
Ve v˛glie cunzegliÓ
mŔglie ca pozze:
avira ghŔsse ggiurezziuse
e nunn’avira usÓ
li mmal’azzione
pe ddeventÓ cchi¨ ricche
e cchi¨ putente.
Queste l’avira tenŔ int’a la tŔsta:
stascire luntane
ra ggente salvarega,
stascire sempe
pe la ggente bb˛ne.
Guagli˛,
pe ll˛re puje magnÓ,
vŔve e ccantÓ,
pe ll˛re te puje pure mbriacÓ,
pe ll˛re te puje fa na chiacchiarara.
StascŔnne nzemm’a ll˛re,
te mpare pure ‘m po’ a ghess’oneste.
Si staje nzemm’a lu triste
te guaste la natura.

Traduzione

AI PICERNESI

Picernesi, vi voglio bene.
Vi voglio consigliare
meglio che posso:
dovete essere giudiziosi
e non dovete usare
le cattive azioni
per diventare pi¨ ricchi
e pi¨ potenti.
Questo dovete tenerlo nella mente:
state lontano
da gente malvagia,
state sempre
con la brava gente.
Giovane,
con loro puoi mangiare,
bere e cantare,
con loro ti puoi anche ubriacare,
con loro ti puoi fare una chiacchierata.
Stando insieme a loro,
impari un po’ anche ad essere onosto.
Se stai con il malvagio
Ti guasti la natura.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu