I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Cum'a Li ffoglie da mimnermo

Dire > Poesie > Picerno

Tratta da “LU MONNE SCAPPA lirici greci in dialetto picernese” di Mario Romeo - Editore Salice

Galloitalico

CUM’A LI FFOGLIE DA MIMNERMO

Sime cum’a li ffoglj’a
la staggiòne bbèlla.
Lu sòle li fa ccrèscj’a bbista r’uòcchie.

Gurèmme lu fiore re la
ggeventù pe pòche tèmpe
e nun savèmme lu bbène e lu male.

Vecin’a nnuje ddòj’òmbre stanne fisse,
la bbrutta vecchiaja cum’a nu rèbbere
e la mòrte nèghera.

Pe nu mumènte nn’è la ggiuvenèzza,
lu tèmpe ca lu sòle guard’a la tèrra.

Ma quanne simm’a la fina re la staggìone
tann’è mmèglie la mòrta re la vita.

Traduzione

COME LE FOGLIE

Siamo come le foglie nella
bella stagione.
Il sole le fa crescere a vista d’occhio.

Godiamo il fiore della
giovinezza per poco tempo
e non conosciamo il bene ed il male.

Vicino a noi due ombre stanno fisse:
la brutta vecchiaia come un debito
e la morte nera.

Per un momento c’è la giovinezza
il tempo che il sole guarda alla terra.

Ma quando siamo alla fine della stagione
allora è meglio la morte della vita.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu