I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Scrive vèrse

Dire > Poesie > Picerno

Tratta da “LU MONNE SCAPPA lirici greci in dialetto picernese” di Mario Romeo - Editore Salice

Galloitalico

SCRIVE VÈRSE

M’agge mise a scrive vèrse
pe nu scurdà
ca mmèzz’a ttanta mpègne
ca me tènene attaccare
all’urdenarie
n’adda ghèsse pure lu tèmpe
pe ggurè nu poche la bbellèzza.

M’agge mise a scrive vèrse
pe ppenzà
ca nun basta avè
la forza e lu putere
p’addrezzà
quarche ccòsa re stu mònne
si po’ la ggènta nun se guarda ‘nfaccia.

Tutte sti grande libbre
ca leggèmme
anna tenè nu sènze
e na rraggiòna
si ne fermèmme
a ffa li riflessiòne
sov’a la mòrta e l’amòre
sov’a lu tèmpe amare re la vita.

Leggènne lu sapère re l’antiche
agge viste lu monne attorne a mmì:
la bbrutta vecchiaja ca se trascina
pe tanta sufferènze e gran dulure
e la smania re chi nun tène cchiù lu tempe
re penzà a l’affanne re li padre,
lu pover’òme ca campa a ffatiga
e supporta li stènte e li travaglie
e li rrecchèzze ca sènza ggiurizzie
vàscene a cchi nun zempe se li mmèreta.
Ma quann’è bèlle verè la giuvenèzza,
lu tèmpe r’ore re la vita umana,
quanne ghè ttèmpe re vève e re cantà
fascènne pacciarìe ca fanne bbène.

Si tu me ligge, amiche,
nunnn’arrire pe tutte li cunziglie,
fèrmete a penzàrle nu mumènt
mènte lu monne scappa.

Traduzione

SCRIVERE VERSI

Mi sono messo a scrivere versi
per non dimenticare
che in mezzo a tanti impegni
che mi tengono legato
all’ordinario
ci deve essere anche il tempo
per godere un po’ la bellezza.

Mi sono messo ascrivere versi
per pensare
che non basta avere
la forza ed il potere
per raddrizzare
qualche cosa di questo mondo
se poi la gente non si guarda in faccia.

Tutti questi grandi libri
che leggiamo
debbono avere un senso
e una ragione
se ci fermiamo
a fare le riflessioni
sulla morte e sull’amore
sul tempo amaro della vita.

Leggendo il sapere degli antichi
ho visto il mondo intorno a me:
la brutta vecchiaia che si trascina
con tante sofferenze e gran dolori
e la smania di chi non ha più tempo
di pensare agli affanni dei padri,
e il derelitto che tira a campare
e sopporta gli stenti e le fatiche
e le ricchezze che senza giudizio
baciano chi non sempre se le merita.
Ma quanto è bello vedere la giovinezza,
il tempo d’oro della vita umana,
quando è tempo di bere e di cantare
facendo pazzerie che fanno bene.

Se ti mi leggi,amico,
non ridere di tutti i consigli,
fermati a pensarli per un momento
mentre il mondo scappa.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu