I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


A (la) festa d'lu porc'

Dire > Racconti > Potenza

A cura di Umberto Rofrano
(Concorso LA CUNTANA 2005)

Galloitalico

A FESTA D’ LU PORC

Tanta temb’ fa a Putenz’ gn’era l’usanza ca ngarche famiglia s’criscia lu porc’, sott li scarpat d’attorn la città.
Un’ d’ sti post’ era sott’ Via Mazzin’ allu lat’ d’ lu zurlus’ (Maggio), inda li terr’ d’ Casarse (Spera): gn’erene li rrodd’ p’ li porc’ addù s’ purtava lu b’v’ron doi vo’t lu giorn’ p’ farli magnà.
Quann’ lu porc’ era picc’l s’ chiamava Zi V’cienz Metastasio p’ farli sanà; v’nia cu nu curtudduzz’ aff’lar cumma nu’ rasuol’ e gni fascìa na ndàcca inda la ngingaglia e tagliava ngarche cosa inda la vendra, p’ nu li fa gì in amor.
Quann’ vers’ ottobr’ accumenzava a fa fredd’ la fest s’avv’scinava.
S’accumenzava a pr’parà li curtiedd’ e specialment’ lu scannator’, aff’lar’ a m’estier’; s’ turava lu cavrar’ ross’ da lu suppign’ p’ fa buogl’ d’acqua quann’ era lu mument’ s’ dascìa voscia a quatt’ p’rson mbustar p’ mant’né lu porc’ lu giorn d’ lu serviz’ “ la festa “.
Alli prim’ rusch’aggiar’, s’ gìa a caccià la bulletta all’uffic’ d’ lu dazio ca s’ truvava a Via Garibald’ numm’r doie, allu prim’ pian’; sotta gn’era lu pian’ ammezzare ca era occupari da ati uffic’.
A vot’ cap’tava ca li cuntadin’ ca gìern’ a fa la bulletta, senza savè legg’ e scriv’ trasiern’ all’uffic’ d’ sott’ e d’sciern “scusarm’ è qui l’uffic’ d’ li porc’?” “No avira sagl’ allu pian’ d’ sova “.
La matina dopp’ na squadra gìa a piglià lu festeggiare ca nu’ vulia camm’nà, allora inda nu secch’ d’ ferr’ m’ttiern nu pugn’ d’ randin’ ca muvènnl’ fascìa rumor’ accuscì camm’nava e s’avvisc’nava alla mort’.
La seconda squadra att’zzav’ lu fuoe p’ fa buogl’ d’acqua.
Arr’var’ nand’ ngasa , s’ m’nava queddù pugn’ d’ randin pe fagn’ fa l’ut’m spuntin’, tant’ p’ ndrattnerl’ m’bò.
Lu cap’ squadra ca era lu mac’llar’ p’ l’occassiona, vista d’acqua ca buglìa, s’arraugliava la man’ca d’ la cammìscia fina a sova, m’nava nu cap’ d’ zoca a chiapp’ scurron’ attorn’ a lu muss’ e lu t’rava vers’ n’gasa assiem’ a dat’ giov’n’ mbustar’ ca lu sp’ngiern’, lu porc’ tra li llucch’ s’ truvava inda nu mument’ curcar’ d’ lat’ sova nu av’ton’ “na spec’ d’ vasca da bagn’ sott’ sova“.
Lu cap’ subb’t fascìa nu par’ d’ gir’ d’zoca attorn’ lu muss’ d’sova e d’ sotta p’avità d’ pigliars’ ngarche mozz’ch’, natu mument p’ piglià fìat’, n’ucchiara p’ v’rè si li quatt’ giov’n aviern’ bloccat’ bon’ li quatt’ zapp’l “d’dret stes e d’nanz chiear’ a doie.
A stu punt’ lu cap’ cu voscia secca “uagliò forza a t’né”, afferrava lu scannator’, lu punta n’ganna d’lu festeggiar’, lu affonna e la forra d’ lu sang’ dritt’ inda nu car’ngiedd t’nur’ mbò abbuccar’ da na femm’na ca già savìa lu mestier’, cu nu lainatur’ r’m’nav’ lu sangh’ p’ nu lu fa ndustà.
Dopp’ poch’ s’abbasciav’n’ li llucch’ e lu festeggiar’ avia stes’ li pier’.
S’ m’nava n’derra, s’abboccava d’ lat l’avton’, nu par d’ zoch’ cu nu gir’ mort’ attorn’ a lu porc’ e cu nu scatt’ secch’ d’ li quatt’, l’animal s’ truvava inda la “ vasca da bagn’”.
D’acqua buglienta s’ calava sova la coria e cu nu tir’ d’ zoca da nu lat’ e da nat’ s’ fascia girà inda d’acqua.
S’ pr’s’ntava mast’ Rocchin’ lu scarpar’ d’lu rion’, ca s’tirava a man’ li ser’l d’ sova lu curluzz’, gn’ servien’ p’ fa la ponda allu cap’ d’ spagh’ imp’ciat’ p’ cuscj’ li scarpon’.
Cu li curt’lacc’ s’ rasc’cav’n tutti li pel, s’ cacciav’n li nerv’ d’ li zapp’l d’ dret tagliann’ la coria ma senza ndaccà li nerv’ e s’mb’lava lu ammàl “attrezz’ d’ degna a forma d’ V mbò sciangara e sott’ sova.
S’ menava nu cap’ d’ zoca allu trav d’ ngasa e, passar inda lu ammal’, subb’t s’app’nnìa cu la testa n’derra e li pier’ sova.
S’accuminciava a spaccà: lu pacch’ d’ li st’ndin’ subb’t’ ind’ a na conga, na squadra d’ femm’n a sciacquà e risciacquà p’ ess’ pront’ lu giorn’ appress.
Lu giorn’ dopp’ venìa lu v’tr’narie ca controllava lu fec’t’: “nun’ è malat’”, e via a squartà, sp’zzettà, p’ fa savicicch’je, prusutt’, pancetta, custaredd’, lard, zapp’l’ e recch’ie; cu la testa s’ fascìa la g’latina e cu quedd’ ca s’putìa squaglià s’ fascìa la n’zogna e li fritt’l’, cu lu sangh’ s’era fatt lu sanguincacc’.
La n’zogna s’ m’ttìa ind’ a la buscìa, lu savicicch’je appes’ sova la mazza, dati piezz’ cumm’gliar’ d’ sal’ ind’ a la fazzatora.
Na s’tt’mana dopp’ s’app’nnìa tutt’ sova li mazz’ ngrùccar’ allu trav’.
Fuoe lent’ p’ asciuttà e affum’cà.
Accuscì f’nìa la festa d’ lu porc’: ma p’ li famiglj’ ca faciern’ quest’, accumminciava dopp’ la festa, t’niern’ la casa chiena d’ rrobba da magnà.
S’ g’ttav’n sol’ li pel’, d’ogn’ d’ li zapp’l, li dent e d’oss.

Traduzione

LA MORTE DEL MAIALE


Tanto tempo fa a Potenza c’era l’usanza che qualche famiglia si cresceva il maiale, al di sotto delle scarpate intorno la città.
In uno di questi posti, a valle di Via Mazzini, al lato di Maggio “ lu zurlus - burbero “, nei terreni di Spera “ Casarse “, c’erano dei casotti per i maiali dove si portava una brodaglia da mangiare due volte al giorno.
Quando il maiale era piccolo, si chiamava Vincenzo Metastasio per fare un intervento di asportazione utero o castrazione, con un coltellino affilatissimo, facendo un taglio nell’inguine e operando all’interno del ventre per non farlo andare in amore.
Quando verso Ottobre incominciava a fare freddo, la macellazione si avvicinava.
Si preparavano i coltelli, specialmente quello che serviva a scannare detto “ scannatore “, affilato a regola d’arte, si prendeva la caldaia grande dal sopralzo “ ripostiglio “ per far bollire l’acqua quando era il momento.
Si avvertivano quattro persone in forza per mantenere il maiale il giorno dell’uccisione.
Alle prime nevicate si andava a chiedere il permesso “ la bolletta “, all’ufficio dazio in Via Garibaldi n° 2 al primo piano, sotto c’era il piano ammezzato occupato da altri uffici.
A volte capitava ai contadini che andavano a chiedere la bolletta, non sapendo leggere e scrivere, che entravano nell’ufficio di sotto e chiedendo scusa, dicevano: “ è qui l’ufficio dei porci ?” No dovete salire al piano di sopra.
La mattina dopo andavano a prendere il festeggiato, che non voleva camminare, in un secchio di ferro si metteva un pugno di granoni ( mais ) che rimestandolo faceva rumore e così camminava, avvicinandosi alla morte.
La seconda squadra alimentava il fuoco per far bollire l’acqua.
Arrivati davanti casa si poneva il granone a terra per fargli fare l’ultimo spuntino, ma solo per intrattenerlo un po’.
Il capo squadra, macellaio per l’occasione, visionava l’acqua se bolliva, si arrotolava la manica della camicia fin sopra l’avambraccio; con una corda a nodo scorsoio accalappiava il muso dell’animale e incominciava a tirarlo all’interno della casa, mentre gli altri giovani lo spingevano.
Il maiale tra le urla, si trovava in un momento coricato di lato sul contenitore “ vasca da bagno “ capovolto.
Il responsabile subito faceva un paio di giri di fune intorno al muso per evitare qualche morso, ancora un momento per prendere fiato, un’occhiata per accertarsi che i quattro giovani avevano bloccato bene le zampe, “ quelle di dietro distese e quelle davanti piegate in due “.
A questo punto il capo con voce decisa “ ragazzi forza a tenere “, afferrava il coltello, puntandolo alla gola del festeggiato, lo affondava e il sangue usciva dritto in un caldaio di media dimensione, tenuto un po’ inclinato da una donna esperta, che con un randello lo girava per non farlo coagulare.
Dopo un po’ le grida si acquietavano ed il festeggiato era morto.
Si buttava a terra, girando di lato la “ vasca da bagno “, con un paio di funi imbracavano il maiale, con un giro morto intorno al corpo e con scatto deciso dei quattro giovani, l’animale si trovava dentro la vasca.
L’acqua bollente si calava sopra la cotica e con un tiro di fune da un lato e dell’altro si faceva girare bene nell’acqua.
Si presentava allora Mastro Rocchino, il calzolaio del rione che si tirava a mano le setole di sopra il crinale, che gli servivano a fare i capicorda allo spago impeciato per la cucitura degli scarponi.
Con i coltelli si raschiavano tutti i peli, si cacciavano i nervi delle zampe posteriori e si infilava il gambale “ attrezzo di legno a forma di V aperta e sottosopra “, si lanciava una fune alla trave di casa e passandola nel gambale, la si tirava in modo che il maiale si appendeva a testa in giù. Con le zampe posteriori in aria.
Si incominciava a spaccare, il pacco intestinale veniva subito messo in una conca e una squadra di donne a sciacquare e risciacquare, per approntarle per il giorno dopo.
Il mattino successivo veniva il veterinario a controllare il fegato, “ non è malato” la sua risposta.
Si incominciava a aprire, spezzettare per fare salsicce, prosciutti, pancette, costolette, lardo, piedi e orecchie, con la testa di faceva la gelatina, quello che si poteva sciogliere si faceva la sugna e i cigoli, con il sangue il sanguinaccio.
La sugna si metteva nella vescica, la salsiccia appesa, “ su mazze “, altri pezzi coperti di sale si mettevano dentro il contenitore di legno “ fazzatora “ .
Una settimana dopo si agganciava tutto alla mazza legata alla trave.
Fuoco lento per asciugare e affumicare.
E’ così finiva la festa del maiale, ma per le famiglie che facevano tutto questo, incominciava dopo la festa, perché avevano la casa piena di roba da mangiare.
Si gettavano solo: i peli, le unghia dei piedi, i denti e le ossa.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


Menu di sezione:


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu