I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Fiabe

Dire > Proverbi, Fiabe > Picerno

Nell’anno scolastico 2004-2005 la SCUOLA PER L’INFANZIA “ARCOBALENO”, dell’Istituto Comprensivo di I grado di PICERNO, ha attuato due progetti legati alla valorizzazione della memoria storica e dell’ambiente montano di Picerno. I progetti, intitolati “Scopriamo con i nonni” e “I personaggi del bosco tra fantasia e realt” , hanno coinvolto i bambini in particolare tramite la raccolta, osservazione e analisi anche di canti, detti, filastrocche e racconti della tradizione orale picernese, invitando a partecipare direttamente alle attivit i nonni, i quali con grande disponibilit ed entusiasmo hanno raccontato storie, hanno ballato, hanno preparato i prodotti della tradizione culinaria picernese. La finalit stata quella di valorizzare la figura dell’anziano come memoria storica e rafforzare la propria identit anche attraverso la scoperta delle tradizioni.
Il lavoro svolto stato gentilmente concesso dai docenti che hanno attuato i progetti e dalle famiglie dei bambini.

Tra le diverse storielle raccontate dai nonni quella che ha suscitato pi interesse da parte dei bambini quella del MONICACELLO della quale ci sono diverse versioni. Viene qui riportata la prima versione come raccontata da alcuni nonni e di seguito in un’altra versione in Italiano.

Galloitalico

LU MUNCACIELL'
Era vt quanda nu criatr ma p la faccia ra grann.
Si a prsna ca lu vra - s fasca vr sol ’ra chi era bn on - era svelt ’e rriusca a acchiapprel, allra lu muncacill, p ffars rasci, r ingha lu cappcc chin r sld.
Cert bt lu muncacill fasca li rspitt, trasa ind a la stadda e ntrcciva la crnira e la cra r li cicc, r li cavdd e r li giummnd.

Traduzione

IL MONICACELLO
Era alto quando un bambino ma con il viso da adulto.
Se la persona alla quale appariva - si faceva vedere solo da persone buone, ingenue - era veloce e riusciva ad acchiapparlo, il monicacello, per farsi liberare, riempiva di monete il cappuccio.
Alcune volte il monicacello faceva i dispetti, entrava nella stalla e intrecciava la criniera e la coda di asini, cavalli e giumente.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu