I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Filastrocche

Dire > Proverbi, Fiabe > Picerno

Nell’anno scolastico 2004-2005 la SCUOLA PER L’INFANZIA “ARCOBALENO”, dell’Istituto Comprensivo di I grado di PICERNO, ha attuato due progetti legati alla valorizzazione della memoria storica e dell’ambiente montano di Picerno. I progetti, intitolati “Scopriamo con i nonni” e “I personaggi del bosco tra fantasia e realt” , hanno coinvolto i bambini, in particolare tramite la raccolta, osservazione e analisi anche di canti, detti, filastrocche e racconti della tradizione orale picernese, invitando a partecipare direttamente alle attivit i nonni, i quali con grande disponibilit ed entusiasmo hanno raccontato storie, hanno ballato, hanno preparato i prodotti della tradizione culinaria picernese. La finalit stata quella di valorizzare la figura dell’anziano come memoria storica e rafforzare la propria identit anche attraverso la scoperta delle tradizioni.

Galloitalico

S vl r, s vl f:
ma lu strascnr t f arrcri!

Srra srra mast Nicla,
na šcupptta e na pstla,
nu pitt r maccarn t li magn a un a un

Sona sunator, sona trmend
l’unr l’amma r a chi n send,
a vvuoi la Sanda Pasqua e a nnui r’v.

Ninna ninnarella, lu rup s’ magn la pcurella,
pcurella mia com fascst
quann mmocca a lu rup t trust.

Prim frdd nun t’accappucci,
prim cvr nun t scappucci.

Angiulna vulia la vsta,
la vulia tutta clsta,
la vulia p li bttn,
Angiulina p li uaglin.

Tresa Tresa vai a r’acqua,
e stai nu mes.

Mara Mara Mariscia
quann cammn fai lu frusc.

La atta r za Mara,
mbch ching e mbch arrr!

…lu ciucc ga a ddgn e tata no….

Ind’a nu buch r mur nn’ na cima r cvl crur
e tu cima r cvl crur
che fai ind’a stu perts r mur?

Bongirn,
vn lu sl sv a tre ccavll r’r
r r’e r’argint e val cincucind
cincucind cinqunda e la addna canda
ca nun vl gg a la šcla
addna bianca e nnra t r la buonasra
buonasra e bonantt lu rup ndrt la prta
la porta car mbr e lu rup nu nn’ cchi
e ggi sv la muntgna
la muntagna tutta la mia
buonantte a la compagna.

Din don, crai ffsta e ss magna la mnstra,
la mnstra nu mm pic e ss magna pan e brscia
la brscia trppa nra e ss magna pan e ppra
la pra tropp inga e ss magna pan e ppanca
la panca tropp rura e vai a litt addirittra.

Quann m car nu rnd
lu mn ind’a lu fuch.
Fuch vi fuch ttt lu rnd vcchi
e mmnmlu nv
menammll tand frt
c’aggi tr li scbbi a la prta.

Giusepp n Giusepp,
ai rasci la prta avrta,
ppass nu malandrn
s’ ppigli la mglia addna,
v fascnn cuta cuta ,
pver’a mm ca l’agg prd.

Traduzione

Si vuole dire, si vuole fare:
ma lo ‘strascinato’ ti fa ricreare.

Sega sega mastro Nicola,
un fucile e una pistola,
un piatto di maccheroni li mangi ad uno ad uno.

Suona sonatore, suona forte,
l’onore lo dobbiamo dare a chi ci sente,
a voi la Santa Pasqua e a noi le uova.

Ninna ninnarella, il lupo ha mangiato la pecorella,
pecorella mia come facesti
quando ti trovasti in bocca al lupo.

Primo freddo non ti coprire,
primo caldo non ti scoprire.

Angelina voleva il vestito,
lo voleva tutto celeste,
lo voleva con i bottoni,
Angelina con i ragazzi.

Teresa, Teresa vai a prendere l’acqua,
e stai un mese.

Maria quando cammini
fai frusciare (la veste).

La gatta di zia Maria,
un p piange un p ride.

…l’asino andava a legne e pap no!...

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu