I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Il lamento del torrente

Dire > Poesie > Potenza

Galloitalico

LU LAMENT RE LU UADDONE

Cum’era bell tant’anne fa
quann nu gn’era sta civiltà,
ca cu la scusa re esse moderne
m’avite arruunate la stagione e pure
lu vierne.

Ai tiemp ca mangaia l’acqua gase
e nun g’era lu fusce fusce
tutte re femine cu lu iuppone
minern e lavà a lu uaddone.

Lana re pecora pe gli matarezze
cammise e cavuzune
pi gl’ uomene cu gli mustazze
e nu ve riche gli fasciature
viste ca gern tante creature.

A quante gente p’ave la farina
purtaria ru grane a gli muline
ca pe sta via ern n’afatte
pecchè l’acqua mia re facia sci
semb allicchette.

Mo vire cume so arredutte
mang puoi enchie chiu na votte
e cu la secceta anne pe anne
la forza stave perdenne.

E nun parlà re l’inquinamend
tutta colpe re sta gende
ca pe sci apperse a la tecnologia
lassa mennezza pe tutta la via.

Plastica, vitr e fierr arruzzute
Tutte attuarne m’avite anch’iute.

Mo, cu l’acqua accussì azzannata
Nun serve chiù a fa vev m’ang a
Na crapa.

Re stu passe ndu sciame a furnì!
Sole na cosa pozze rì
Ca se lu vierne scazza nu nevone
Av’ita truà acqua pe tutte
Lavandone.

Traduzione

IL LAMENTO DEL TORRENTE

Com’era bello tanti anni fa
Quando non c’era questa civiltà,
con la scusa di essere moderni
mi avete rovinato l’estate e pure
l’inverno.

Quando non c’era l’acqua in casa
e la vita non era frenetica
tutte le donne con il costume
venivano a lavare al torrente.

Lana di pecora per fare i materassi
Camicie pantaloni
Per gli uomini con i baffi.
E non vi dico quanti pannolini
Visto che c’erano tanti bambini.

E tante persone per avere la farina
Portava il grano ai mulini
Che lungo il percorso ce n’erano tanti
E la mia acqua li faceva funzionare
Bene.

Ora non vi dico come sono ridotto
Non puoi riempire nemmeno una botte
E con la siccità, anno per anno
Le forze sto perdendo.

E non parlare, poi dell’inquinamento
Tutta colpa di questa gente
Che per accettare la tecnologia
Lascia spazzatura lungo il percorso.

Plastica, vetri e ferri arrugginiti
Tutto intorno mi avete riempito
Adesso, con l’acqua così sporca
Non servo più a nessuno.

Di questo passo dove andremo a finire!
Solo una cosa vi posso dire
Che se d’inverno ci sarà tanta neve
Si allagherà tutto Lavandone.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu