I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lettera N

Studiare > Dizionari > Potenza - "Glossario a dengua putenzese"

Raccolta di voci in vernacolo tratte da scritti di autori potentini a cura di Vincenzo Perretti e con la collaborazione di Enzo Matassini.

na, agg. num., una
na, art. ind., una
nabbiss, s. m., voragine, baratro, disastro; int’ nu nabbiss de fuoss, in un fosso profondo; c’aviedda succÚre lu nnabbiss neversale, che doveva succedere il diluvio universale (am)
naca, s. f., culla. v. navechizz’
nacÓ, vb., cullare
n’anzenga, v. anzenga e ‘nzenga
nappa, s. f., mento
nasca, s. f., naso grande, vistoso; ten’ la nasca tesa, ha il naso superbo. Nasca Ŕ agnome di famiglia. Si deve leggere nasc-ka. Part. pass.: ‘nnascare
nasce, vb., nascere; part. pass., nar’ o nare
naschedda, s. f., arnese per stringere le nari dei buoi
nascienzo, s. m., assenzio, anice col nome scientifico di Artemisia absinthium. v. senzie
nase, s. m., naso; pe nase gne carreggiano, ci portanto per il naso, ci ingannano (am)
natÓ, vb., nuotare
natu, avv., un altro; al f. nata
natuttante, avv., altrettanto, nella stessa misura (cr)
nave, s. f., riferito comun. al simulacro della barca immaginata dalla fantasia popolare, che era portata in processione nella festa di San Gerardo
navechizz’, s. m., una specie di piccola cuna da portare in testa, che dondolava come il rollýo della nave. v. naca
‘ncacagliÓ, v. cacagliÓ
‘ncanna, avv., in gola. v.‘nganna
‘ncape, v. cape e ‘ngape
‘ncappÓ, v. ‘ngappÓ
‘ncarÓ, v. ‘ngarÓ
‘ncarcarune, pron., qualcheduno; anche ngaccune (vv)
‘ncarche, pron., qualche; ‘ncarcosa, ‘ncarcate, ‘ncarcata o ‘ncaccata, qualcosa, qualche altro, qualche altra. Verrastro scrive anche: ‘ncacche
‘ncarnÓ, v. ‘ngarnÓ
ncasÓ, v. ‘ngasÓ
‘ncavarcÓ, vb., accavallare (cr)
‘ncazzÓ, v. ‘ngazzÓ
‘ncecagný, v. accecagný
‘nchianÓ, vb., salire; v. acchianÓ e ‘nghianÓ
‘nchiodd’, v. chiodde
‘nchiummose, v. ‘nghiummuse
‘nchiuvÓ, vb., inchiodare; part. pass.: ‘nchiuvare
‘nciutý, v. ‘ngiutý
‘ncodd’, v. ‘ngodde
‘ncoddÓ, vb., accollarsi, prendersi carico; non me ncodda, non mi va (rd)
‘ncriccÓ, vb., alzare;‘ave lu nas’ incriccare, ha la puzza sotto il naso, detto di persona superba (rr)
ncrosce, v. ‘ngroscie
ncucchiÓ, v. ‘ngucchiÓ
‘ncugnÓ, vb., incuneare, bloccare; ‘ncugnare, nel senso di tozzo , robusto
‘ncuietÓ, vb., inquietare, inquietarsi
‘nculunnÓ, vb., incolonnare, mettere in fila
‘ncumburenza, avv., in confidenza (rd)
‘ncurdÓ, vb., indurirsi dei muscoli
‘nc¨rena, s. f., incudine (rd)
‘ndacca, s. f., tacca
‘ndartagliÓ, vb., farfugliare, l’essere balbuziente. Ntartaglia Ŕ agnome di famiglia
‘ndenne, vb., sentire, intendere; part. pass.: ndeso, inteso, sentito. v. ‘ntenn
‘ndennenza, s. f., Intendenza (am)
‘nderra, v. ‘nterra
‘ndesta, v. ‘ntesta
‘ndestine, s. m., intestino (ll)
‘ndinghe ndanghe, din don, voce onomatopeica, che sta per il suono delle campane (rr); cu stu cule fa ndingh e ndanghe, detto del movimento del corpo di una ragazza che ‘cerne’ la farina, da una poesia popolare di Potenza
‘ndobbÓ, vb., gonfiarsi, riempirsi; chi¨ la sacca m˛ se nd˛bba, di pi¨ la tasca si riempe (ga)
‘ndopp’,s. m., ostacolo, impedimento; ‘ndopp de cuzzette e trippa, rigonfio di collo e di pancia (am). v. ‘ndroppeche e‘ntopp’
‘ndramente, avv., frattanto, nel frattempo. v. ‘mbratant e ‘ndratante
‘ndrandelÓ, vb., traballare, stare malfermo sulle gambe; nu’ angale ca ndradelava pure, un dente che dondolava pure (am). Si trova anche: ‘ndrendelÓ
‘ndrandeliÓra, s. f., tremolio, movimento sismico
‘ndrasatta, v. all’antrasatta
‘ndratante, avv., nel frattempo; e ndratante ca tu piglia li sarache, e mentre tu prendi le aringhe (am). v. ‘mbratant e ‘ndramente
‘ndrattien’, s. m., trattenimento, passatempo
‘ndravert’, part. pass., aperto, scompaginato; s’Ŕ mbo’ ndravert ngarche mure, si Ŕ spaccato qualche muro (am)
‘ndrete, avv., dietro; gn’ aia sta sempe ‘ndrete, gli devi stare sempre vicino, non devi perderlo di vista. Scritto anche: ‘ndret e ‘ndreta. v. drete
‘ndrireci, avv., in mezzo, nel centro; Ŕ usato per indicare persona inopportuna, che si mette in mezzo agli affari altrui
‘ndriscina, agnome di famiglia
ndritare, v. ‘ntritare
‘ndrizz’, s. m., indirizzo (am)
‘ndrocchia, s.f., donna abile, di forte costituzione; cfr. DEI, ‘troccolo’. La voce assimilata nel dial. potentino col termine ‘ndrocchia, secondo taluni linguisti deriva dal napol. truocchie, col significato, in senso lato, di cercine (spara).Per cui, figlie d’ndrocchia, sta per giovane capace ed intelligente, generato da una donna forte e abile, che con un peso sulla testa, poggiato sul cercine, era capace di camminare, e allo stesso tempo perfino lavorare a maglia. v. navechizz’. In altri dial. luc. e campani sta per: ‘mala femmina’
‘ndr˛ite, s. m., introito. v. est
‘ndroppeche, s. m., ostacolo, impedimento; nel popolino si usano definire ‘ndroppeche i pezzi di carne o salsiccia (o solo ossi) nel ra¨, condimento alla pasta di casa. Scritto anche ‘ndroppee, quindi con la consonante ‘c’ muta. v. ‘ndopp e ‘ntopp
‘ndrubbelÓ, vb., intorbidire. In Danzi: s’avess da ‘ntrubbulÓ, si dovesse intorbidire. Part. pass.: ‘ndrubbelare
‘ndrubbelatonze, agg., imbroglione, detto di colui che intorbida le acque. v. tonza
‘ndrufulÓ, vb., infilarsi; come vb. trans.: indossare
‘ndrunare, part. pass., rintronato, stordito
‘ndruppÓ, v. ‘ndruppecÓ
‘ndruppecÓ, vb., inciampare, urtare contro un ostacolo con i piedi
‘ndruppecara, s. f., caduta
‘ndruss¨ria, s. f., interesse, tornaconto; lu poverome ha tutt lu dritt de se defenne li ndrussurie sove, il poveruomo ha tutto il diritto di difendere i propri interessi (am). Ivi si ritrova il termine col significato di spesa, gravame; pe nun te fa nesciuna ndrussuria, per non farti spendere niente. v. ‘ntursurie
‘ndserture, agg., detto di terreno reso deserto o sterile
‘ndulettare, agg., intolettato, vestito elegantemente (ma)
‘ndunacÓ, vb., intonacare. v. tonaca
‘nduppÓ, vb., intoppare, incocciare, urtare. Danzi scrive: mmenza a li strare ham dantuppÓ, in mezzo alle strade dobbiamo trovare. v. ‘ndruppÓ e‘ntuppÓ
‘ndurciÓ, v. ‘ndurciara e ‘ndursÓ
‘ndurciara, s. f., scarica di botte; in senso lato: sconfitta al gioco o in gara sportiva. Scritto anche: ‘nturciara
‘ndurcigliÓ, vb., attorcigliare
‘ndursÓ, vb., menare, colpire; gne ‘ndorsa nu lisce, gli mena uno schiaffo
‘ndussecÓ, vb., intossicare; ne fa indussecÓ li strascenare, ci fa andare di traverso gli strascinati (ma)
‘ndustÓ, vb., indurire; part. pass. : ‘ndustare. v. ‘ntustÓ
‘ndutarara, agg., agghindata (ma)
‘nduvenÓ, vb., indovinare
neÓ, vb., negare
negghia, s. f., nebbia
nemýe, agg., nemico
ne˛zie, s. m., negozio; Ŕ un termine piuttosto recente
nere, s. m., maiale semi selvatico, pi¨ scuro di quelli locali, incrocio di scrofa e cinghiale
nÚree, agg., nero; nun sacce mett lu neree sova lu ghiangh, non so scrivere (am); l’effigia de san Gerarde lu neree, riferito alla statua del santo, in legno (am). v. Gerard
nereement’, avv., in senso strettamente lett., ‘di nero’, col significato di: tristemente
nesciune, pron. ind., nessuno; anche nesci¨, nisciune, nusciune. v. nisciune
nett’, agg., nitido, pulito; da un detto popolare: disce lu porce, mantenŔmmene nett(am)
nettÓ, vb., pulire. v. annettÓ
nette, agg. , netto, preciso; usato come sostantivo: a dirt la netta, a dirti la veritÓ (am)
neva, s. f., neve; lu Segnore li vole fa aumentÓ cumm la neva acciere a sole, il Signore li possa far crescere come la neve al sole (am)
nevÚra, s. f., neviera, deposito di neve da conservare per mesi, pressata entro profonde buche scavate nel terreno e ricoperta da strati di paglia
nev˛re, s. m., nipote; al f., nevora. Scritto anche: nuvore
nezarýa, s. f., inezia, roba da poco; quedda nezaria de recovete, quella sciocchezza di raccolto (am); ivi, neziaria
nezione, s. f., iniezione. v. puntura e serenga
‘nferriata, s. f., inferriata, grata. v. ferriata
‘nfragerÓ, vb., infradiciare. Part. pass. ‘nfraggerure. v. ‘mbragerÓ
‘nfrangesiÓ, vb., contagiare. Una lunga polemica, durata tutto l’800 tra Francia ed Italia, era nata per il diffondersi della sifilide; gli italiani dicevano che era il ‘mal francese’, portato dai transalpini durante il decennio (1806-15), per gli altri era il ‘male napolitano’
‘nfutarÓ, vb., foderare;quessii nfutarerrienne lu peddacchie, questi si metterebbero la fodera sulla pelle (vv)
‘ngacagnure, agg., rachitico (rt)
‘ngaccune, v. ‘ngarcarune
‘ngagnÓ, vb., rincagnarsi. Danzi scrive: s’ ingagnaze, si rincagný
‘ngalÓ, vb., buttare, gettare via; ‘ngalare a lu vent, buttato al vento; me pare ca tu ‘ngala la raggiona, mi sembra che tu nonragioni (am)
‘ngalambrare, part. pass., distorto, fuori asse; sta menza porta Ŕ ‘ngalambrÓ ‘(am)
‘ngandÓ, vb., incantare. Il part. pass. ‘ngandaresi usa per indicare la persona che si blocca, impressionata o affascinata
‘ngandeseme, s. m., incantesimo
‘ngann’, s. m., inganno (rr)
‘nganna, avv., in gola
‘ngannaria, s. f., inganno, falsitÓ (am)
ngannaturizia, s. f., brama, aviditÓ (rt)
‘ngape, avv., in testa, sulla testa, in cima; pe ncape ssi cuntane, in cima a questi vicoli;‘ngape li tant temp, da tanto tempo; ‘ngape li siei mese, entro, allo scadere dei sei mesi (am). v. ‘ncape e ‘ntesta
‘ngapezzÓ, vb., capacitare, convincere
‘ngappÓ, vb., acchiappare. Scritto anche: angappÓ, anghiappÓ e ‘nghiappÓ
‘ngappande, agg., scroccone, detto di colui che notoriamente mangia a sbafo (tb)
‘ngappasoresce, s. m., acchiappa topi
‘ngappŔtta, s. f., difetto fisico al mento; molletta per i panni. v. nappa
‘ngarÓ, vb., aumentare, rincarare; so ‘ngarÓ li prezz, sono aumentati i prezzi; part. pass.: ‘ngarare e ‘ngar¨
‘ngarcarune, pron., qualcuno. v. ‘ngunate
ngarche, v. ‘ncarche
‘ngarecÓ, vb., interessarsi, incaricarsi (am)
‘ngarnÓ, vb., incarnare, nel senso di ripetere, provare pi¨ volte la stessa cosa; quedd Ŕ ngarnÓ a sta semp a la bbenta, quello si Ŕ abituato a stare sempre senza far niente (am); s’incarnarene, ci presero gusto (rd). Cfr. ARM, ‘ngarnÓ’
‘ngarrÓ, vb., indovinare, centrare l’obiettivo
‘ngarrettÓ, vb., trasportare a forza, arrestare
‘ngÓsa, avv., in casa; ‘ngasa de Criste, per indicare un sito lontano, molto distante
‘ngasÓ, vb., riempire a forza, premere, spingere; ha ‘ngasÓ la mana, ha rincarato la dose
‘ngastrÓ, vb., incastrare
‘ngatastÓ, vb., bloccare, costringere
‘ngavarcÓ, vb., accavallare, mettere una cosa sull’altra; part. pass.: ‘ngavarcare. v. accavaddÓ
‘ngaveciare, part. pass., imbiancato a calce
‘ngazzÓ, vb., arrabbiarsi. Dal vb. deriva ‘ngazzatura, arrabbiatura
‘ngazzuse, agg., collerico, rabbioso
‘ngeantÓ, vb., far crescere; n’hann ngeant¨ crestiane queddi ddoi scarpone!, ne hanno fatti crescere quei due scarponi!Per ‘scarponi’ si intende, metaforicamente, quelli del contadini, e quindi esempi di vita (am)
‘ngecaný, vb., accecare; fig. lu diavele te ngecanisce, il diavolo ti rende cieco (am); part. pass, ngecan¨
‘ngegnÓ, vb., usare o provare per la prima volta; ad es., attingere per la prima volta il vino dalla botte
‘ngendie, s. m., incendio (am)
‘ngenetare, part. pass., generato, creato
‘ngengett, modo di dire; l’hann purtÓ ngengett, l’hanno portato in palma di mano, quasi a significare -in senso fig.-il trasporto dei santi in processione (am). Scritto anche: ngingett. v. ‘ngenzÓ
‘ngenzÓ, vb., incensare(am)
‘ngerata, s. f., telo, tessuto robusto per coperture
‘nghiaÓ, vb., mettere nei guai; nu poverome ca Ŕ ‘nghiaare de figlie, un poveruomo che Ŕ oberato di figli (am)
‘nghiaare, s. m., impiegato. Nel linguaggio popol. si equivoca tra i due significati impiegato|inguaiato. Scritto anche: ’mbieare e ‘mbiecate. v. ’mbiaare
‘nghiaccÓ, vb., imbrattare, sporcare. v. ‘nguacchiÓ
‘nghianÓ, vb., salire; amma ‘nghianÓ sova Putenza, dobbiamo andare in centro. Sta anche per: rincarare, aumentare di prezzo. v. acchianÓ
‘nghianara, s. f., salita; corr’ ciucce a la ‘nghianara, detto scherzoso di chi si agita senza costrutto
‘nghiane, avv., in piano
‘nghiangÓ, vb., imbiancare. v. agghiangÓ e ‘mbiangÓ
‘nghianghieriÓ, vb., vendere chiacchiere; quessa eve la fratellanza ca giÓre nghianghierienn a li pople, questa Ŕ la fratellanza che andate facendo credere ai popoli (am)
‘nghiangulÓ, vb., rassodarsi, rapprendersi; si no la ferlocca s’inghianguleia, altrimenti il rancio si rapprende
‘nghianta, avv., in palmo; te lu portene ‘nghianta de mana, te lo portano in palmo di mano (am)
‘nghiappÓ, vb., acchiappare. v. anghiappÓ e ‘ngappÓ
‘nghiappacane, v. anghiappacane
nghiastraria, s. f., sporcizia
‘nghiavecÓ, vb., sporcare, imbrattare; ‘nghiavecare, part. pass., sta anche per: essere pieno di malanni o di debiti. E’ un termine derivato dal napoletano
‘nghiodde, vb., chiudere; part. pass.: ‘nghiose
‘nghiosa, s. f., azione completa, risultato concluso; me fasciette ‘na nghiosa de melone, mi feci una grossa mangiata di melone
‘nghiostre, s. m., inchiostro
‘nghippe, s. m., inghippo
‘nghiummuse, agg., pesante come il piombo (rr). Si dice, ad. es., del pane mal lievitato
‘nghiuppelÓ, v. acchiuppelÓ
‘nghiuvÓ, vb., inchiodare
‘ngiallanure, agg., di colore giallo, malarico (ll)
‘ngialmÓ, vb., attirare, incantare, ingannare; cu li ddire ca ngialma li ciuote, con le dita incanta gli stupidi; chi vole ngialmÓ, ca nu lu crerene chi¨, chi vuole incantare, visto che nessuno pi¨ gli crede (am); lu penziere se ngialma semp a lu revord del’utema sera, il pensiero si fissa (si blocca)╔. Part. pass.: ‘ngialm¨
‘ngialme, s. m., incantesimo (am)
‘ngidda, s. f., vaso da contenere acqua, orciuolo, dal lat. ‘langilla’. v. Angidda vecchia
‘ngiele, avv., in cielo; nu’ spurÓ ‘ngiele ca ‘mbaccia te care, non sputare in cielo, perchÚ ti ricade addosso (am)
‘ngielesalemme, s. f., Gerusalemme; si trova anche ‘ngielesagliemm’; detto del popolino, parafrasando ‘in cielo saliamo’
‘ngienze, s. m., incenso
‘ngiese, avv., accuratamente; gne sia datte, e ‘ngiese l’adda tenŔ, gli sia dato, e lo deve tenere da conto, con ogni riguardo(vv)
‘ngignÓ, v. ‘ngegnÓ
‘ngigniere, s. m., ingegnere (rt)
‘ngine, s. m., lett. ‘uncino’, ma comun. sta per: bastone
‘ngi ngi, due pietre piatte che si sbattono tra loro per fare chiasso: li ngi ngi de priera(am). v. ingingi
‘ngingiliÓ, vb., girovogare per perdere tempo
‘ngire, avv., in giro
‘ngiutý, vb., stordire, rimbambire. E’ scritto anche: ‘nciutý; part. pass.: ‘ngiuture. v. ciuote
‘ngiuvýle, agg., incivile
‘ngliss, ‘ngloss, inda la fossa, gioco di ragazzi con una pallina che si mandava, in sequenza di tre colpi, in una piccola buca fatta nel terreno. Riviello ricorda il gioco alla fossa, con una palluccia di piombo o di ferro. Anche in altri dial. luc. ngliss significa il colpo dato dal dito medio o indice, che slitta sul pollice per far scattare la pallina (o anche nocciolo di frutta o monetina)da mandare in buca. v. chiummarole e scisch’
‘ngnastriedde, v. vagnardedda
‘ngodde, avv., addosso, in collo; m’Ŕ passÓ la morta pi ncodda, mi Ŕ passa la morte sul collo (rr). Si trova anche come vb.: poche gne ngodda la fatia, poco gli piace la fatica (am). Si trova anche: ‘ncodd’
‘ngonghele, s. m., regalo; si trova anche: ‘ngongolo
‘ngozza, s. f., gozzo. E’ usato in senso fig., come appare dalla frase: nunn’ hann a chi dÓ la ‘ngozza, non trovano a chi dare la colpa(am)
‘ngrasciÓ, vb., ingrassare
‘ngravugliÓ, vb., ingarbugliare; part. pass.,‘‘ngravugliare
‘ngravu˛glie, s. m., groviglio, imbroglio
‘ngraziÓ, vb., ringraziare
‘ngriccÓ, v. ‘ncriccÓ
‘ngroscie, avv., in croce. Riviello scrive: ngrosce e scroscie, incastrati tra loro. v. crosce
‘ngruccÓ, vb., montare, agganciare; me fascŔ ‘ngruccÓ sova la biestia, mi fece salire a cavallo (am); ‘ngruccaze la porta, mise il gancio alla porta
‘ngrusciÓ, vb., ingrossare, ingrandire
‘nguacchiÓ, vb., sporcare; meno usato: ‘nghiaccÓ
‘nguacchie, s. m., porcheria, imbroglio
‘nguaggiarura, s. f.,imbroglio, inganno; so pronte de fa gi’ na nguaggiarura, sono pronti a combinare un imbroglio (vv)
‘nguantare, agg., detto di persona ben vestita, con i guanti
‘nguartÓ, vb., arrabbiarsi
‘ngucchiÓ, vb., incocciare, incontrare; m’avessere ‘ngucchiÓ, mi dovessero incontrare, anche col significato discoprire (ma)
‘nguende, s. m., unguento, pomata
‘ngultive, agg., incolto
‘ngunate, pron., qualche altro (am). v. ‘ngarcarune
‘ngune, pron., almeno uno, qualcuno. Anche: angune
‘nguntrÓ, vb., incontrare; anche sol significato di: trovarsi d’accordo
‘nguorp’, avv., in corpo, a mente; te tiegne semb’ nguorpe, ti ricordo sempre
‘ngurce, avv., all’incirca, pressappoco; cu trecent ducare ngurce d’ann, con circa trecento ducati all’anno (am); ngurce lu giorne, allo spuntar del giorno
‘ngurvÓglia, s. f.,disaccordo, contrasto; do’ Gnazie trasÚze masemament ‘ngurvaglia, a don Ignazio crebbe al massimo il disappunto (am).
‘ngutugnÓ, vb., percuotere, bastonare
‘nguzzÓ, vb., ingozzarsi,ingozzare. In senso fig.: prendere a cuore, interessarsi; nungne ‘ngozza mia, non ne vuole proprio sapere; non me ‘ngozza de gý a fatiÓ, non mi va di andare a lavorare
niedde, s. m., anello; crone e nniedd’ndrecciÓre de savecicchie, salsicce intrecciate a forma di corone ed anelli (am). v. aniedde
nigghie, s. m., nicchia; lu nigghie te l’agge preparÓ drete lu ranare, ti ho preparato la nicchia dietro il granaio (am)
ninament’, avv., certamente, sicuramente; dett e ninament lu careÓrene sova nacarretta, detto e fatto, lo misero su una carretta (am)
nire, agg., nero; voce che deriva dal napol. e si trova solo nel secondo ‘900. v. neree
nisciune, v. nesciune
‘nnant’, avv., avanti; dievete da ‘nnant, levati di mezzo.Si trova anche col significato di: piuttosto; nnant cent ducare a lu diavele, e no nu turnese a...meglio cento ducati al diavolo e non un tornese a..; mors nnant li giorne sove, morý prima del tempo suo (am); ‘nnantendrete, avanti dietro. Scritto anche: annant’ e ‘nnante
‘nnantecaveze, s. m., larghe fascie di cuoio o panno resistente, usate dai mietitori, contadini e cacciatori, per proteggere il basso ventre e le gambe fino al ginocchio
‘nnascÓ, vb., annusare, sentire; nnascare ca te l’Ó na ciucciaredda, fiutata la presenza di un’asina (vv); ‘nnascare, part. pass.: col naso teso, dritto. Si pronunzia nnasc-kÓ
‘nnestÓ, vb., innestare
‘nneste, s. m., innesto; sta anche per: vaccinazione
‘nnozz’, p. f., nozze; un modo di dire: amm fatt li nnozz cu li fonge, abbiamo fatto le nozze con i funghi (ga). v. nozza
‘nnsign’, avv., perfino (vv). Ivi, anche: ‘nsigne e peffigne
‘nnuglia, s. f., minutaglia di carne, grasso e intestini, conservata sottolio e condita con aceto, sale e ‘cerasella’. Cfr.: ARM, ‘noglia’. Si trova anche: nuogliela
‘nnurdenÓre, agg., ordinato, ben sistemato; bella nnurdenara, cu nu alant maccature intesta, bella e sistemata, con un grazioso fazzoletto in testa (am)
‘nnuttele, v. nutele
nocca, s. f., nastro di ornamento femminile, anche: nodo a m˛ di cravatta
noie, pron., noi
nore, s. f., novitÓ; dunga, chi nore so quess, dunque, che novitÓ sono queste. v. nova
noscia, s. f., noce; scritto anche: nosce; la noscia de lu codde, la noce del collo (am)
noste, agg., nostro; al f., nosta
nova, s. f., notizia (am)
novecall’, s. m., nove cavalli, ovvero una monetÓ in rame, dal valore di tre centesimi (3/4 di grano)
nozza, s. f., pranzo nuziale; nesciune cane iesce da la nozza, nessun cane si allontana da un pranzo di nozze (vv). v. nnozz’
‘nparruccÓ, vb., mettere la parrucca; pe fargne npurruccÓ lu lampione, per fargli coprire la testa calva (vv)
‘npennÓ, vb., crescita delle penne ai pulcini; cu poche gne le npenna lu cuuzze, con poco gli fa crescere i capelli (vv)
‘nsegna, s. f., insegna, iscrizione; dievagne da la porta quedda nsegna, leva dalla porta quell’insegna (rd)
‘nserrÓ, v. ‘nzerrÓ
‘nserta, v. ‘nzerta
‘nsertÓ, v. ‘nzertÓ
‘nsevÓ, v. ‘nzevÓ
‘nsign, v. figne e peffigne
‘nsist’, v. ‘nzist’
‘nsogna, v. ‘nzogna
‘nsuccarare, part. pass., zuccherato (rd)
‘ntanÓ, vb., rintanarsi. Danzi scrive: s’aveze da gý a ntanÓ inta a lu diett, e traduce: dovette andare a mettersi a letto
‘ntartarare, part. pass., ricoperto di tartaro, sporco
‘ntasÓ, vb., intasare; part. pass. : ‘ntasare
‘ntellette, s. m., intelletto (vv)
‘ntenn’, vb., intendere, sentire; noi pure amma ess de li ‘ntese, anche noi dobbiamo partecipare (rd); ca luRe stascia nteso, che il Re era d’accordo (rd)
ntennelÓ, vb., informarsi, dal vb. ‘ntenn’; si i vulia ntennelarmi, se volevo informarmi (rd)
‘ntenziona, s. f., intenzione
‘ntern e stern’, modo di dire, te digge lu ‘ntern e lu stern, ti dico tutto. v. est e ‘ndroite
‘nterra, avv., a terra; in senso fig.: in cattive condizioni. Anche ‘nderra
‘ntesta, avv., in testa, ma anche in senso fig.: nel ricordo, nella memoria. Anche ‘ndesta
‘ntinn’, s. m., tintinnio, suono (rr). Anche: ‘ntinne e ‘ndinne
’ntinnÓ, vb., risuonare. Nel contesto della frase Ŕ usato in senso lato, per descrivere un grande oratore: ‘ntinna mang na campanedda, si fa sentire pi¨ di una campanella
‘ntopp’, agg., duro, resistente, detto di qualcosa che ostacola, impedisce; ntoppa e tosta narapesta s’Ó pigliÓ, si Ŕ presa una rapa dura e resistente (ga). v.‘‘ndopp’
‘ntorne, avv., intorno, attorno
‘ntracia, v. antracia
‘ntrasecch’, agg., secco, vuoto; nu rane ‘ntrasecc’, un grano vacante, senza chicchi (rr)
‘ntravagliare, part. pass., elaborato, complicato (rd)
‘ntringhese, agg., in ghingheri, vestito con ricercatezza; ssu alant’ retratt de ‘n’amice lu mie ntringhese, questo bel ritratto del mio amico elegante (am)
‘ntrireci, v. ‘ndrireci
’ntritare, s. m., venditore di nocelle e castagne. Riviello scrive: andritare e antritare
‘ntrite, s. f., collana di nocelle infornate; si trova anche antrite
‘ntrubbulÓ, v. ‘ndrubbelÓ
‘ntrunare, part. pass., intontito, stordito
‘ntruzzulare, part. pass., con funzione di agg.: appiccicoso, unto; li peli ntrozzolare, i peli attaccaticci. v. trozzole
‘ntunÓ, vb., intonare (vv)
‘ntuppÓ, v. ‘nduppÓ
‘nturciara, v. ‘ndurciara
‘nturneggiÓ, vb., girare intorno; la vesta Ŕ nturneggiara tutta de zaaglie, la veste Ŕ guarnita tutto intorno di nastri (vv)
‘ntursuria, s. f., balzello, tributo. Riviello scrive: intursurie. v. ‘ndrussuria
‘ntustÓ, vb., indurire, incaponirsi; casomai pu˛ ntustasse, casomai poi si incaponisse; e fann ntosta ca ncatasta, e fanno: tieni duro che la vinci (rd). v. ‘ndustÓ
‘ntutt’, avv., in tutto
nu, num., uno; al f. na
nuggne, non ci; detto popolare: gne sarria da rrire si nuggne foss da chiange, ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere (am). v. nunne
nugnŔ (nun gn’Ŕ), non c’Ŕ; si trova anche: nugghiŔ e nugghieve
nule, s. f., nuvola; pi¨ tardi Ŕ usato: n¨vela
numenaziona, s. f., menzione
numýa, s. f., diceria; cumm c˛rr la nomýa, come corrono le voci
nummenÓ, vb., nominare, eleggere (am)
n¨mmere, s. m., numero; amma fa li nnumere, dobbiamo dare i numeri (tb); aggia fa caccia’ li nummere, devo far succedere un pandemonio (tanto da far giocare i numeri al lotto)
nun,avv., non; nunne vulemm’ savŔ, non ne vogliamo sapere; numm vuoglie arretrÓ a nott, non voglio rincasare di notte (am); nugne penza, non ci pensa (am)
nunate, non altro; si nunate, se non altro
nunne, non ne, non ci; nunne dÓ, non ci dÓ (vv); nunnemm mai avutt, non ne abbiamo mai avuto (am). v. nuggne
nunziamai (nun zia mai), modo di dire: non sia mai
nu˛gliela, v. ‘nnuglia
nure, agg., nudo; nure e crure, nudo e crudo. Usato come avv.: a la nura, nudo
nuschela, s. f., nevischio; cu tuttala nzenga de la nuschela che gn’Ŕ carutta ‘ntesta, con tutto quel po’ di nevischio che ci Ŕ caduto in testa (am)
nutare, s. m., notaio
n¨tele, agg., inutile; anche: ‘nnuttele
nuttecÓ, vb., piegare, come ad. es., i panni o un foglio di carta
nuzz’, s. m., nocciolo. Una espressione in potentino: si stÓ na vita ‘mmenz’ a l’aulive, e nun si duuntÓ manghe nunuzzele. Si trovano anche anche: nuzzl’ e nuzzolo
‘nvermiere, s. m., infermiere. Secondo taluni informatori, la voce usata era anche: ‘mbermere
‘nzacresa, v. anzacresa
‘nzalaný, vb., perdere la testa, sragionare; part. pass.: ‘nzalanure
‘nzalata, s. f., insalata
‘nzalvament’, avv., in salvo (am)
‘nzane, avv.,interamente; avanne nunn’ assavuramme ‘na stizza de paisane pe’ tutt d’ore lu monne; avanne lu vine se venne ‘nzane, quest’anno non assaggiamo nemmeno una goccia di vino paesano per tutto l’oro del mondo; quest’anno il vino si vende a botti intere (am)
‘nzaracÓ, vb., infilare diverse cose, oggetti (o persone) in spazio stretto, come le ‘sarache’ nel tino
‘nzeddÓ, vb., sollevarsi, insorgere; noi nzeddamm arrete, noi insorgiamo di nuovo (rd)
‘nzegnante, s. m. e f., insegnante, maestro elementare
‘nzemmele, avv., insieme; Verrastro scrive: nzemel’. Altrove: ‘nzemela o ‘nzemla
‘nzenga, avv., in senso lett. un segno, ossia poco; nanzenga, un poco; natanzenga, un altro poco. v. senga
nzengodda, avv., un pochino, una piccola parte. v. ‘nzenga
nzerrÓ, vb., serrare, chiudere; anche: ‘nserrÓ
‘nzert, avv., insieme
‘nzerta, s. f., collana, inserto. Sta per: ortaggi o frutta secca, legati tra loro a forma di collana o treccia; na ‘nzertade aglie, un inserto di agli. Anche ‘nserta
‘nzertÓ, vb., pigiare, comprimere, mettere insieme. Part. pass., ‘nzertare. Anche: ‘nsertÓ
‘nzevÓ, vb., sporcare, imbrattare, ad es. di grasso o untume, Danzi scrive: tropp era nsevara, era troppo sporca. Anche ‘nsevÓ
‘nzevuse, v. ‘nzuuse
‘nziconn,avv., in secondo luogo, in un secondo tempo
‘nzinuÓ, vb., insinuare
‘nzist’, vb., insistere, perseverare.
‘nziste, agg., capace, abile. Anche: ‘nsist
’nzogna, s. f., sugna. Danzi scrive: nsogna
‘nzomma, avv., insomma
‘nzonn’, avv., in sonno. v. sonne
‘nzova, v. sova
‘nzulfÓ, vb., insinuare, pettegolare
‘nzultÓ, vb., insultare
‘nzuppÓ, agg., inzuppare, bagnare
‘nzurdý, vb., stordire; part. pass.: ‘nzurdure
‘nzuuse, agg., sporco, sudicio (rt); altrove: ‘nzevuse

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu