I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lettera O

Studiare > Dizionari > Potenza - "Glossario a dengua putenzese"

Raccolta di voci in vernacolo tratte da scritti di autori potentini a cura di Vincenzo Perretti e con la collaborazione di Enzo Matassini.

obblee, s. m., obbligo (vv)
occia, s. f., malore improvviso, colpo al cuore; t’adda pigliÓ na occia, che ti venga un malore. Cfr. MTG, ‘gocca’. v. tuocch’ e voccia
ognarune, pron., ognuno
ogne, s. f., unghia; si t’aggio a d’ogne, se ti ho a portata di mano, se ti acchiappo; cu d’gne spaccare a li piere, detto del contadino che lavorava a piedi nudi. v. a ddogne
ome, s. m., uomo. v. ommene
omma, s. f., gomma
˛mmene, s. m., uomo; a quant’ vann l’omene?, quanto costa la giornata di un bracciale? (am). Fino al ‘700 si usava una misura agraria -non sempre ben definita e diversa da paese a paese, detta ‘opera’ o ‘uomo’, riferita alla porzione di terreno che un contadino poteva lavorare in una giornata. v. ome
˛mmere, s.m., omero. Sta anche per: gomito
onge, vb., ungere, oliare; part. pass., onte. v. vonge
onge muss, un modo di dire: venienn schitt pe’ lu onge muss, venivano solo per prendere un boccone, per mangiare; in senso lato, prebenda: nunn’ hann avutt lu vongemuss, non hanno avuto il compenso (am)
opuramente, avv., oppure
ore, s. m., oro
orfane, s. m., orfano
orge, s. m., orzo; lu ciucce chiama pe d’orge, l’asino chiede di mangiare. Di significato diverso, in un modo di dire oggi obsoleto: t’aggia dÓ d’orge oppure haia da orge, ti devo prendere a mazzate, ti devo battere. Cfr. ‘orge’ in MTG e ’uersceiÓ’ in MM
orghene, s. m., organo, in senso fig., stomaco: se enghie d’orghene, si riempe lo stomaco (am)
orgiante, agg., donna petulante e manesca. Scritto anche Gorgiante, Ŕ un cognome potentino oggi estinto
orle, s. m., orlo, margine; n’orle de carusedda cu la mustarda ‘mbrescenara da sova, un cantuccio di pane ricoperto di mostarda (am). v. urlesciedd’
orr, s. m., una specie di giunco; cu nu fascetiedd de orr e doi cann, t’arrecama nu cufaniedd, con un fascio di giunchi e due canne, ti ricama un cestino (am). Secondo altri informatori, sta per ‘ramo di salice’
orte, s. m., orto; chi rrengrazia tene dea de se ne iesce pe’ la porta de d’orte, chi dice grazie ha l’idea (pensa) di tagliare la corda, ovvero di non ricambiare (am)
osce, s. m., oggi; osce lu giorne, oggigiorno. Si trova anche: oscie e osc’
oss, s. m., osso; oss de’ mort, un tipo di tarallo con finocchietto
ott’, num., otto

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu