I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu vin’ cuott

Dire > Racconti > Picerno - I nonni raccontano

Tratto da: I nonni raccontano fonte nonna di Claudio - Picerno tra passato e presente – Circolo didattico Picerno

Galloitalico

LU VIN’ CUOTT

Lu’ vin cuott s’fasciia p’ lu most.
s’ p’gliav’n vind – trenda litr’ r’ most,
s’ m’ttienn ind na cavrara stainara,
s’m’ttia sov lu fuoch e s’ g’rava
p’na mazza r regna.
Sov sta mazza s’fasciienn tre ‘ndacch.

Roi part r’most aviia s’ccà,

na part arr’stava ind la cavrara
e era lu vin’ cuott.

Quann’ era arruffr’ddà,
s’ m’ttia ind li buttegl’,
e s’ st’pava p’ quann s’ fasciia
lu sangu’nacc’ ca s’ m’ttia ind

e p’ quann’ fasciia la nev
ca s’ fasciia la surbetta.
La nev’ s’ m’ttia ind lu piatt,
e sov s’ m’nava lu vin’ cuott,
s’girava e s’ magnava e li criiatur’
fasciienn festa.
S’ nfunnienn pur lu pa ind lu vin’ cuott
e s’ cunzulav’n st’ criiatur’

Traduzione

IL VINO COTTO

Il vino cotto si faceva col mosto.
Si prendevano venti – trenta litri di mosto,
si mettevano dentro una pentola,
si metteva sopra al fuoco e si girava
con una mazza di legno.
Sopra questa mazza (di legno) si facevano
tre segni ( si intaccava).
Due parti del mosto dovevano asciugarsi
(evaporare),
una parte restava dentro la pentola
ed era il vino cotto.

Quando si era raffreddato,
si metteva nelle bottiglie,
e si conservava per quando si faceva
il sanguinaccio per metterlo dentro
(come ingrediente)
e per quando faceva la neve
che si faceva il sorbetto.
La neve si metteva nel piatto,
e si versava il vino cotto,
si girava e si mangiava e i bambini
facevano festa.
Si bagnava anche il pane nel vino cotto
e si facevano felici questi bambini.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu