I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Proverbi

Dire > Proverbi, Fiabe > Tito

Tratti da Nicola Laurenzana, Tito,storia, vicende, personaggi, usi e costumi, fede, Ed. Moro, Cassola (Vicenza), 1989

Galloitalico

Cagna paisu ca cagni f’rtuna.

D’erba ca nu v add’ortu
quedda ca t’ cresc’.

Ognunu add’ortu sovu.


La dengua nun t d’ossu e romb d’ossu.

Chi sparagna mal’uadagna.

Cu nu n t’spruogli
e cu nu sc t’mbruogli.

A asc’na a asc’na
s’ engh’ la masc’na.

P’ccadi e debb’ti chi n’ t li paa.

Chi sem’na spin’ nu gess scav’zu.

Cav’dari cu cav’dari nun s’ teng’n’.

Miegliu nu maridu
bruttu ca no mia ’nduttu.

Lu lasciadu p’rdudu.

Mamma e figlia vann’
ind’ na bottiglia;
donna e nuora
nu vann’ind’ nu d’nzuolu.

Chi sem’na spin’ nu gess’scav’zu.

Fradieddu curtieddu.

Stipa la m’nzogna p’ quann’ t’abb’sogna


Viest’ t’ cppo’ ca pari bar

La addina fa d’uovu e lu addu s’ brucia

Quann t’vol’n d lu purcieddu corr’ subbtu cu lu zuvarieddu

Traduzione

Cambia paese che cambi fortuna.

L’erba che non vuoi
nel tuo giardino cresce.

Ognuno al suo orto=
ognuno con i fatti suoi.

La lingua non ha l’osso e rombe l’osso.

Chi risparmia male guadagna.

Con un no ti liberi
e con un si ti impegni.

Chicco pi chicco e
il mulino si riempie.

Peccati e debiti chi li ha li paga.

Chi semina spine non vada scalzo.

Caldaia e caldaia non si tingono.

Meglio avere un marito brutto
che non averne per niente.

Ci che si lascia perduto.

Mamma e figlia vanno
in una bottiglia;
suocera e nuora non
vanno in un lenzuolo.

Chi semina spine non vada scalzo

Fratello coltello

Conserva la menzogna per quanto ti bisogna

Vestiti pulito e sembrerai barone

La gallina fa l’uovo e al gallo brucia

Se ti vogliono dare un maialino, corri subito con la funicella

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


Menu di sezione:


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu