I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Proverbi

Dire > Proverbi, Fiabe > Picerno

Nell’anno scolastico 2004-2005 la SCUOLA PER L’INFANZIA “ARCOBALENO”, dell’Istituto Comprensivo di I grado di PICERNO, ha attuato due progetti legati alla valorizzazione della memoria storica e dell’ambiente montano di Picerno. I progetti, intitolati “Scopriamo con i nonni” e “I personaggi del bosco tra fantasia e realt” , hanno coinvolto i bambini in particolare tramite la raccolta, osservazione e analisi anche di canti, detti, filastrocche e racconti della tradizione orale picernese, invitando a partecipare direttamente alle attivit i nonni, i quali con grande disponibilit ed entusiasmo hanno raccontato storie, hanno ballato, hanno preparato i prodotti della tradizione culinaria picernese. La finalit stata quella di valorizzare la figura dell’anziano come memoria storica e rafforzare la propria identit anche attraverso la scoperta delle tradizioni.

Galloitalico

Fgli r atta acchippa i srsc.

scna scna s fa la mscna.

Chi vl va chi nun vl manna.

Rav la tsta a lu cicc s perd acqua e ssavn.

Quann u cicc nu vl vv risc ca r’acqua trobbla.

Chi s’assumglia s pglia.

Chi lscia la via vcchia e ppglia la nva, sa qudda ca rscia ma nun za qudda ca trva.

Mal nun fa para nun av.

Fa cchi sbbt la fmmna a truv la šcusa ca lu srsc a truv lu purts.

San Catvr rva lu fredd e mmtt lu cavr.

Ast cap r mmrn.

Si Marz vl f can e att f scial, si Marz vta lu cappidd f mur la vacca p ttutt lu vtidd.

Risc la vcchia ardta “nun d vst r’estt si nun arrva sand Vit”, ršpnn la vcchia a crcch “u mal tmp rura fin a sand Rcch”.

Chi r la vl r la nva a mamma, nu tmml r gran! Trnta grgn!

Cum’ bbll’a ffa l’amr vicn, la sind quann chiama li gaddn, cuta cutlla mia vini a mmagn!

Si l’aucidd canusca lu gran, a la Pglia nun z mta…

Šcpla sti vi e mbrstm s’arra.

Na btta a lu crchi e una a lu tumbgn.

Ncasa r pzznd nun mnchn stzz.


Lu gust r lu cicc ll’aramgna.

Fgli pccl, uai pccl; fgli grss, uai grss; fgli marrr, uai radduppir.

Si vin snger vui sciuppl a Ssand Luca nun vrgn!

Marz Maztt tand lu iourn tand la ntt.

Chi fuscdda nun trna, rrctta nun vl.

Sand’ Andun frisch cu l sun.

Cum Catarneia acchsc Natalieia!

Traduzione

Figlio di gatta acchiappa i topi.

Acino acino si fa la macina.

Chi vuol fare va, chi non vuole manda altri.

A lavare la testa all’asino si perde acqua e sapone.

Quando l’asino non vuol bere dice che l’acqua torbida.

Chi si somiglia si piglia.

Chi lascia la strada vecchia e piglia la nuova, sa quella che lascia ma non sa quella che trova.

Male non fare, paura non avere.

E’ pi veloce la donna a trovare una scusa che il topo a trovare la sua tana.

San Cataldo toglie il freddo e mette il
caldo.

Agosto inizio d’inverno.

Se marzo vuole fare cani e gatti fa divertire, se marzo gira il cappello fa morire la mucca e pure il vitello.

Dice la vecchia ardita “non ti vestire d’estate se non arriva San Vito”, risponde la vecchia a crocco “il mal tempo dura fino a san Rocco”.

Chi la vuol dare la notizia a mamma, un tomolo di grano seminato trenta covoni!

Com’ bello fare l’amore vicini, la senti quando chiama le galline:cuta cutella mia vieni a mangiare.

Se l’uccello conoscesse il grano, in Puglia non si mieterebbe.

Smonta questi buoi e prestami l’aratro!

Una botta al cerchio e una alla tavola.

A casa dei poveri non mancano tozzi (di pane).

Il gusto dell’asino la gramigna.

Figli piccoli guai piccoli; figli grossi guai grossi; figli sposati guai raddoppiati.

Se vino limpido vuoi spillare, a San Luca non vendemmiare!

Marzo, tanto il giorno, tanto la
notte.

Chi fuscella non torna, ricotta non vuole!

Sant’Antonio Abate fischi e suoni.

Com’ a Santa Caterina cos a Natale!

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu