I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Quann nu gn'er da magnÓ

Dire > Racconti > Potenza

Concorso LA CUNTANA 2005

Galloitalico

QUAN NU GNERA DA MAGNA’

Chi ten’ mb˛ cchi¨ d’ s’ssand’anni stý fatt’ giÓ li sÓ p’cchŔ gn’ so passÓ p’ mmana….
M’arr’cord’ d’ doje p’rson’.
La prima: la chiamav’n’ F’lumena.
Lu marir’ era semb’ malat’ e t’niern’ tanta figl’ da fa magnÓ.
T’nýern’ na casa sott’ Montreal’ ca quann’ la strara era chiena d’ zangh’, s’ pigliava na sciuugliara gýa dritt’ inda lu scol’ d’ d’acqua d’ lu ‘sp’dal’ d’ M’rdaruol’.
La matina s’ truava alla chiazza d’ lu pesc’ v’cin’ la chiesa d’ la TernitÓ; aiutava a scar’cÓ a li p’c’rnes’ ca purtav’n’ a vvenn’ robba da magnÓ; e scar’can scar’can, s’ carcaz’ nu sacc’ d’ patat’ sova li spadd’ e s’ lu purtaz’ n’gasa; e subbt’ li m’ttez’ a cuoc’ inda nu cavrar’ p’ fars na magnara.
Lu p’c’rnes’ gez’ a r’corr’ da lu uardio a spiegargn’ quedd’ ca era cap’tat’ e vulýa farla arr’stÓ.
Lu uardio cunzigliaz’: “si vai cu li bon’ parol cerca d’ recuperÓ lu sacc’ vacand, p’cchŔ si vagg’ ie ‘ngasa, gnaggia purtÓ pur nu par’ d’ panedd’ d’ pan’ p’ sfamÓ la braculama”.

La siconda: lu chiamav’n Miseria.
La casa p’ dorm er’n li purton’; quann’ facýa fredd’ e n’v’cava s’ accuvacciava v’cin’ la f’nestra cu li ferr’, allu lat’ d’ la TernitÓ, add¨ ascýa aria cav’ra d’ lu forn’ cumunal’.
Miseria nun’ era vecchio ma camm’nava mb˛ abbucar’ nnanz’, purtava na copp’la ca cummugliava quasi la faccia e certi vot’ purtava doje cappott’.
D’ che cambava: fascýa qualch’ serviz a li put’ar’ ca gn’ dascer’n’ mb˛ d’ pan’ tost’ e cumbanagg’; raccuglýa li buatt’ d’ salza vacand’, ammaccava lu tagl’, li sciacquava e li dascýa a li cuntadin’ a cagna merc’ p’ ngarche nova.
A vot’ purtava sova na carretta mb˛ d’ frutta ca li grussist’ gn’ daciern’ da venn p’ fargn’ uaragnÓ ngarche sold’.
M˛ invec’, somm quas’ tutt’ chiatt’ p’cchŔ magnamm’ assai, e n’ m’ttemm’ a dieta….e p’ tropp’ benessere v’remm’ pur’ ngarche mezza panedda d’ pan’ v’scin’ a la munnezza.

Traduzione

QUANDO NON C’ERA DA MANGIARE


Chi ha un p˛ pi¨ di 60 anni queste cose le sa perchÚ le ha vissute sulla propia pelle….
Mi ricordo di due persone.
La prima: la chiamavano Filomena.
Il marito era sempre malato e avevano tanti figli da sfamare.
Aveva una casa vicino Montereale, che quando la strada era piena di fanghi, se scivolavi finivi dritto dritto nel canale di scolo dell’ospedale di Verderuolo.
La mattina si trovava alla piazzetta del pesce vicino la chiese della TrinitÓ; aiutava a scaricare i picernesi che portavano a vendere cose da mangiare; e scaricando scaricando, si caric˛ un sacco di patate sulle spalle e se lo purt˛ a casa; e subito le mise a cuocere in una pentola per mangiare.
Il picernese ricorse ad una guardia per spiegare cosa era successo e per farla arrestare.
La guardia consigli˛: “Se vai con le buone cerca di recuperare il sacco vuoto, perchÚ se vado io a casa devo portare anche un paio di panelle di pane per sfamare tutta la famiglia”.

La seconda: lo chiamavano Miseria.
La casa per dormire erano i portoni; quando faceva freddo e nevicava si accovacciava vicino la finestra con i ferri, al lato della chiesa della TrinitÓ, dove usciva aria calda del forno comunale.
Miseria non era vecchio ma camminava un poco curvo, portava una coppola che gli copriva il viso e certe volte portava due cappotti.
Di che viveva: faceva qualche servizio ai bottegai che poi gli davano un po’ di pane duro e del companatico; raccoglieva barattoli di salsa vuoti, ammaccava il taglio, li sciacquava e li dava ai contadini a scambio merce per qualche uova.
A volte portava sopra un carretto un poco di frutta che i grossisti gli davano da vendere per fargli guadagnare qualche soldo.
Adesso invece, siamo quasi tutti grassi perchÚ mangiamo assai, e ci mettiamo a dieta….e per il troppo benessere vediamo pure qualche mezza panella di pane vicino alla spazzatura.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


Menu di sezione:


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu