I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


SONETTO - Sova a l'Italia

Dire > Poesie > Potenza

Lo scontento dei tanti piccoli regnanti che spadroneggiavano nella nazione una volta divisa, emerge dopo l’Unità d’Italia, compreso quello del Pontefice.

Galloitalico

SOVA A L’ITALIA

Era pussibele mai unu stuvale,
S’avienn da cavezà Duchi e Regnant !
Fascienn lu mporchia, e sforchia lu ammale,
Chi gne strazzava lu drete, e chi l’avant;

Doi pieri inta na scarpa è naturale,
Ca nun si puria dà nu pass nnant;
Ma mo s’è ditt: uno è lu stuvale,
Uno è lu patrone, e nu gnè sant.

Mo queddi rumanure de pieri pe nterra,
Chi schama da nu canto,
e chi da n’ate,
Chi fulmina la scummunea,
e chi la verra.

Ma quedd ch’è scritto, è scritto,
dess Pilato:
Ev’asciura la sentenzia, e ditt sterra,
Vittorio è lu patrone, e nisciun’ate.

Traduzione

SALVA L’ITALIA

Era mai possibile che con un solo stivale
Dovessero calzarsi Duchi e Regnanti !
Facevano dentro e fuori con il gambale
Chi lo tirava da dietro, chi davanti.

Due piedi in una scarpa, è naturale
Che non si poteva dare un passo avanti.
Ma ora si è detto: uno solo è lo stivale
Uno solo comanda, e non ci sono santi.

Ma quelli rimasti con i piedi ignudi,
Chi protesta da una lato,
chi da un’ altro
Chi lancia scomuniche,
chi minaccia guerra.

Ma quello che è scritto, e scritto,
disse Pilato:
La sentenza è uscita e detto basta,
Vittorio è il padrone, e nessun altro

Potenza, senza data

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu