I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Stornelli del Circolo Didattico Picerno

Dire > Proverbi, Fiabe > Picerno

tratti da “Picerno tra passato e presente” a cura del Circolo didattico Picerno

Galloitalico

Cum si fatta rossa m’ par’ na
c’rasa t’vogl’ra nu vasc’ a d’m’
piac’ a me.

Cum si fatta ianga, par’ la nev’r’
la muntagna, sti ricc’ a la masc’gna
m’ nei fatt’ nn’ammurà.

Affac’t a la finestra, con i capelli
in mano, prima t’ fai la capa e
po’ m’ rai la mano.

Cum si fatta ianga, par’ la nev’r’
la muntagna, tutt’ li vote t’
lagn’ perché nun chiam a me.

Affac’t a la finestra, con i capelli
in mano, si bella quand’ mai,
r’ mi nun t’ scurdà.

Cum si fatta negna, m’ par’ na
c’m’nera, s’ t’avvess’ p’ m’gliera
t’ vasciass’ matina e sera.

Traduzione

Come sei diventata rossa, mi sembri una
ciliegia, ti voglio dare un bacio dove
piace a me.

Come sei diventata bianca, sembri la
neve della montagna, i ricci alla maschietta
mi hanno fatto innamorare.

Affacciati alla finestra con i capelli
in mano, prima ti pettini e
poi mi dai la mano.

Come sei diventata bianca, sembri la
neve della montagna, tutte le volte ti lamenti
perché non chiami me.

Affacciati alla finestra con i capelli
in mano, bella quanto mai
di me non ti scordare.

Come sei diventata nera, mi sembri
una ciminiera, se ti avessi per moglie
ti bacerei mattina e sera.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


Menu di sezione:


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | info@galloitalico.it

Torna ai contenuti | Torna al menu