I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


La Cittadella: lu cambsand nuov

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Dopp’ lu terramote, li barracche Zamberletti so’ sta mis a tre, quatt’ chilometri lundani dalla periferia di Putenza, inda a na zona mundagnosa, addù si so’ spesi nu tummulo di moneta per creare tutti li servizi necessari; datosi ca nunn’aggio mai suntù la zona “Cittadella”, m’aggio piglià lu scomoto di gìa scrauglià (1) inda li carte du lu catasto, e aggio appurato ca la zona si chiama Bucaletto e no Cittaddella.

Crerìa ca stu nome nuovo foss’ di n’atu paiso limitrofo, e mi so’ sentù lu duere di gì a ossequiare le autorità locali; appena giunto sul posto, aggio avutt na brutta imbressione, pecchè mbece di truarmi inda nu paiso nuovo, m’è sembrà di camminàtra li lager ca fascez costruì lu bunuttalma di Hitler, p’ fargne la pedda a tutti li ebrei.

Gni manga solamende lu reticolato, li garritt’ e li sendinelle di uardia; è vero ca lu terramote ha ngiutrullù (2) di gente, ma è pure vere ca chi sta a lu cumando nunn’adda mai perd’ la testa, specia quann si tratta della vita di li cittadini.

Chiedendo addù putìa truà lu sinnech’ della “Cittadella”, m’ann’ ammezzià ca la zona è parte integrante dell’agro putenzese.

Fign’ a qui, per li Sant’Antoniani la quistione rientra inda la normale amministrazione; beati a loro ca la penzano a sta crapina manera.

Girann d’uocchi e uardann’ attorn attorn, penzai ca lu paisieddo, cumm è situato, si può distinguere in “Cittadella alta” e “Cittadella bascia” e me venez inda alla muroddali parole di don Alisandro Manzoni, quann p’ affuurà li bellezze du lu lago di Como, scrivez“Addio monti sorgenti dalle acque ed elevati al cielo…”

Li stesse parole si putrienn’ ripete pure per la Cittadella, pecchè nasce mbere a lu Basendo e saglie fign’ quasi alla cima di li mundagne della Paddarera.

Forseè sta quest lu mutivo c’ha cunvindo i ripetuti Sant’Antoniani a sistemà li barracche a Bucaletto ?

Nu preggio gn’ amma da riconosce a sti signori ed è quedd ca, nonostande lu dislivello esistende, inda la Cittadella nunn’è stà fatta mangh na via, ca, cundrariamende alla sistemazione di Putenza, tene li scaloni. (3)

Sti signori so’ sta pure sensibbili a nun fà mangh nu campscieddo pe’ fa svalià (4) li uagliungiedd, sinnò l’ammuina avria sicuramente disturbati li Cittadinesi.

N’ata spesa hann savù economizzare, bisogna dargnene atto, riguarda la manganza di nu qualsiasi purtuso da adibire a pronto soccorso.

P’ nunn’avè mbiccio (5) e pe’ nun dà fastirio a nisciuno, sapendo anghe ca a Putenza nun succer mai niende, nun si inderessano di fà mette nu posto di uardia, mangh’ di tipo municipale, e siccome dopp’ li doi lu servizio postale nun funziona chiù, li Cittadinesi s’allenano tutti li giorni, pecchè caso mai di notte avessera da fà ngarche telegramma, ponn’ arruà benissimo a Putenza senzà dettarlo per telefono (evitare n’ata spesa), e quindi so preparar a fà lu scarpinetto, andata e ritorno, fino all’ufficio telegrafico.

Quann stascìa per turnamene ngasa, ngundrai n’amico e gni dumannai cumm passava li giurnate e la risposta foz immediata: “Nun lu vir, faccio n’ata vota lu prigioniere.”

Sti parole raccogliono tutto lu disastro della lundananza, del cattivo accesso e di li servizi ca mangano e, cumm’ si tutto questo nun bastasse, quann girai d’uocchi era già fatt’ ascuro, e veriett lu sfarzo della luce elettrica e aviett la senzazionedi truarm inda a nu cambsand nuovo e ca li luce della “Cittadella”, oltre ca illuminà li vie, dann’ lasenzazione di illuminà i molti loculi e tombe, ca gni volene solo li fotografie sova li porte p’truà subbito l’abituro dell’estinto.

Anche sul tema di Bucaletto l’a. ritorna in più di uno scritto ed espone il pensiero di molti suoi concittadini. Di certo l’esperienza dei ‘sfollati’ che per diversi anni hanno vissuto in quelle casette non è stata piacevole, ma in quei giorni di disperazione, non era facile trovare una soluzione immediata che potesse contentare tutti.

Pubblicato su ‘Cronache di Potenza’ del 9.12.1982


Note
1, scrauglià, rovistare; 2, ngiutrullù, rincitrullito; 3, scaloni, gradini; 4 svalià, svagare, divertire; 5, mbiccio, fastidio, come fastirio che segue.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu