I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


E' giù a finì a pesce mbaccia

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Aggia da spiegà (speriam ca gne riesco) inda a lu linguaggio mio, anghe pecchè non canosco altri diomi, e cercann d’ingarrarla (riuscire), ca na vota lu passat ci ‘nzegnava a prepararci pu lu present, e anticiparci a farn canosc’ nu futuro chiù mieglio.

La parlatura dialettale, promotrice della dengua nazionale, l’hann messa a lu canz di li ruccul (1), e gn’hann fatt scurdà pure lu vero significato di li parole, la quala n’ha mis fora strara p’ capì l’etimologia di quedd’ ca vulemm dì.

Qunn era bell, ad esembio, sentì n’anziano ca discìa a nu guaglione: ferniscila cu sta baucìa (2), ca m’ha duà (3) li cirviedd.

Cu na parola t’ inghivi la bocca.

Nun voglio fà lu chiant della Matalena, ma tann cu nu vucabbolo eri certo e sicuro di quedd’ ca vulìa dì, e nun si gìa a finì a pesce mbaccia, cumm succere osce pe’ nu malindeso o per na parola male ‘nderpretara.

Nunn’è metafora e né s’adda da penzà ca lu pesce savtann’ da inda d’acqua va a firnì pe’ crapicce sova li arze (4) di li cristiani, e per na fessaria vir inda a sti mercati lu pesce aulà (5) p’ d’aria cum si fosse nu rupp di renneniedd’ (6), pronde pe’ gì a truà lu nir (7) c’avienn fatt a li zone chiù càver.

S’adda pure rucurdà ca a Putenza lu pesce l’accattavan solo li ricchi “bisognosi”, queddi quatt così detti nobili; si vennìa solo venerdì, a Natale e inda a dati giorni di astinenza.

Per puterlo smaltì, queddu povero Cipriano lu vennìa a muzz (8), inda a doie spurtusciedd (9), girann per li viculi e viculett; l’assortimendo era costituito da alici, trigliozze, ngarche falso merluzz’, anguille e cozze; orate, dentici e scorfani li canusciemm solo pecchè ce l’ammezziava 8 la maestra alla scola, e ‘ntavola cumparìa solo ngarche frusciucula (10), oppure na recchia de baccalà, assieme a na frittara allungara cu patate, puparuli o la minestra spersa.(11)

Per la misera ca gn’era, lu chiù di li vote s’accattava tutt’ a crerenza; oggi, mbece, gne so li mercatini inda li rioni, cu li pesce di tutte le specie, anghe si spesso è cungelar’, te lu fann’ passà pe’ fresco e ti fotten’ nu tummul di soldi.

Lu fatt chiù ‘nzulende nnande li bangarieddu de lu pesce è ca ognarun nun vole fà la fila, e vole passà pe’ primo p’ si spiccià viett, la quala pecchè secondo la sua intelligenza adda avè lu pesce chiù fresco e meno maltrattar.

E allora succerenbuscigli, si fann liti e si séntenmaleparole embruperie, na parola piglia n’ata, e va a finì ca lu pesce da inda li spurtelle arriva mbaccia alla gente.

Pubblicato su ‘Cronache di Potenza’ del 4.11.1982


Note
1, messa a lu canz di li ruccul, messa da parte, in un angolo, come si usava nel forno ove le panelle erano cotte al centro e li ruccul ai lati; 2, baucìa, chiasso, baldoria;3, duà, levare; 4, arze, guancie, ossia lafaccia; 5, aulà, volare; 6, nu rupp di renneniedd, uno stormo di rondinelle; comunemente rupp sta per nodo; 7, lu nir, il nido; 8, a muzz, a forfait, in blocco; 9, spurtusciedd, sportella; 10, frusciucula, pezzetto, piccolo boccone; 11, minestra spersa, come la mischa, è la minestra fatta con erbe e verdure spontanee, raccolte nei prati.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu