I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu cascio e uovo

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Addù l’azzoppa sta risata ?

Queste fozer’ li parole corali ca li familiari mie mi disceren, lu giorno di Pasqua, quann mi veréren ca rriria a crepa panza, nunn’appena ca metterensova la buffetta (1) nu piattone chienodi cascio e uove.(2)

I’ savìa chi mi passava p’ ndesta e nun putiett’ fa du lu meno d’arrecurdà nu fatt’ ca fascezepoca, tanda e tanda anni fa.

Si tratta di questo: inda lu daree (3) d’Errico, ndret’ la farmacia di Manginelli, salvo na famiglia di alandom ca anguora osce gn’è lu purtone, lu rrest’ era ‘nzeppar (4) de urtulane braccial ; era lu periodo ca accumenzasa nasce l’evoluzione della attuale società.

P’ stu motivo, na famiglia ca s’era abbià a fars chiù gendile (5), fasceznu figlio mastro d’ascia (6) e na uagliona maestriedda; nati sette o otto érendestinati a zappà l’orto, come avienn’ fatttatta e vavone. (7)

Tanto premesso, mo’ venemm’ a lu fatto: a tembi antichi, com’è anguora osce,s’ausava staccà li cambane lu sabbatoa menzgiorno, mmece ca la dumeneca; li femmenavienna da girs’ a piglià la benerezione Pasquale inda a la chiesia chiù viscina, mendre li banomi se gienna ‘mbustà fuora li porte (San Gerard’, lu Muccetto, San Mechele) e se mettienna sparà, cumm si avienna defenn’a Caporetto, p’ scaccià li mali servi di Cristo e augurarsi nu bello recovete (8).

Comungue, quasi tutte li case borghesi se svacandavan (9) e rumanienn’ averte pure li porte (tann’ nunn’era necessario chiodd’ a chiave pecchè nisciuno s’azzardava di gì a rubbà).

Mast’ Puppino, accuscì si chiamava lu bracciale ch’era deventà falegname, s’era ‘ngazzato cu la famiglia e p’ rispetto alla tradizione di Pasqua, se gez’a ‘mbustà inda a l’unicopurtone ca gn’era inda a queddu larghetto, e aspettava ca li parenti se ne gìentutti quanti. Nunn’appena si assicurò ca ngasa nun gn’era rumaschiù nisciuno, trase’ze si pigliaz’lu zebbro (10) du lu cascio e uove, e pe’ avè chiù temb pe’ gliott’ con calma lu furto, avett’ l’accurtezza di mett’ a lu posto della zuppiera na panedda di pane, cuverta alla stessa manera di come l’avìa rumasa samamma; pò arraffaz’ lu fiascho di vino e scappaz’ sova lu ponde di li cacciatori (11).

Arrivato a lu posto,s’assettaz’ e cu na sanda pacienza si pozza strafuà tutta la frittura di crapetto, uova e ati ndrugli, ‘nzomma lu cascio e uove accuscì come si chiama anguora osce, e mi facc’ maraviglia ca nunn’ hanno cagnà stu nome, visto ca mò cagnano tutto lu vucabbolario, e vann’discenn okei, al limite, chiaramente, etc.

Quann’ li familiari turnaronongasa e s’assetaronop’ magnà lu pranz Pasquale, e quann’ arruaz’lu turno di mett’ in tavola la zuppiera in questione, s’accurgerenca lu crapetto era scumpars , e apriti cielo chi succerez’inda a quedda casa !

S’augghiavendun dati (12), e nun tando penzavana lu furto, quand a li disgrazie ca putìensuccer durante l’anno, pecchè non s’era rispettà la tradizione religiosa; s’armarendi magliocch’ (13), furchettone, rastiedd’ (14) e se metterenalla caccia di mast Puppino, p’ fargnvumucà (15) quedd’ ca s’era gliuttuto.

Tutt’ nutile, pecchè lumastro d’ascia, dopp’ c’avìa sfrattà tutto fign’ all’utm buccone, se ne gez’a cammenà ind’ li campagne p’ addiggerì mieglio, e se rimbatriazquann’ foz’certo ca d’acque s’érencalmà.

A titolo di curiosità s’adda rucurdà ca lu cascio e uove, oltre ad essere spizziliato (16) p’ na settimana intera, si stipava p’ purtarl appress’ alla scambagnata di pasquetta, ca allora si festeggiava a Battalemme, a Sant’ Antonio la Macchia o a Macchia Romana.

Un quadretto di vita tradizionale della famiglia potentina, che si svolgeva secondo riti antichi, consumando una cucina semplice di sapore contadino.

Pubblicato su ‘Cronache di Potenza’ del 14.4.1983


Note
1, buffetta, tavolo; 2, cascio e uove è fatto con spezzatino di carne di agnello o capretto, fritto o in tortiera; 3, daree, largo. La voce a lu daree, come avverbio, sta per al largo, all’aria aperta. La famiglia D’Errico aveva, nel largo che ancora oggi porta il suo nome, un palazzetto avito; 4, ‘nzeppar, pieni: 5, chiù gendile, più civili, ossia detto del ceto contadino o popolano che cominciava ad imborghesirsi; 6, mastro d’ascia, falegname; più esattamente era così denominato il fabbricanti di infissi, carri , arredo edile di legno; 7, tatta e vavone, padre e nonno; 8, recovete, raccolto; 9, svacandavan, svuotavano; 10, zebbro, largo e basso recipiente, che si usava mettere sotto la bocca delle botti di vino; 11, ponde di li cacciatori, era il luogo di raduno -all’alba- dei cacciatori, all’incirca sotto la fontanella alla fine di Via Pretoria, in Rione San Luca; 12, s’ augghiaven dun dati, si guardavano l’un l’altro; 13, magliocch, bastone; 14, rastiedd, rastrello; 15, vumucà, vomitare; 16, spizziliato, spiluccato.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu