I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu chiantudd di li putnzesi

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

L’amico Aldo La Capra, ca s’è fatt’ ‘nterpetre di li lagnanze di tutta Putenza, ha denunziato -e ave raggione-lu disordine, lu ngravuoglio, lu caos chiù caotico della città.

Pure io aggio fatt’ presende, di tutt’ manere, ca lu servizio urbano accuscì cumm’ècungiupur è na chiaa (1) chiena di materia. Lu fann’ apposta o so proprie ‘ndrunar ? (2)

Lu chiand amare di chi disgraziatamende se n’hadda da serv ha stunà pur a San Gerard d’ marmo; niende, però, ha ‘ndaccà i nostri cari amministratori ca continuano a fà orecchi da mercandi.

E noi nunn’amma abbendà (3), hamma da ess ‘nsistend e amma dì semb’tutt’ li ccose ca nun vann’ bone.

Quedd ca ne fà sende chiù di fott’ (rabbia) è ca sti cristian per li cacchi loro lu tupp (4) lu ténen, però p’ lu bene della comunità, lu applican mal, so negligendi e si sfastirien si ngarcarun si permett di da’ nu consiglio nell’interesse di tutti.

Chiù vot gn’è sta’ dittca la maggiore parte di li strare so’ nu disastro. Tu poi fà lu sangh acido, ma puoi ess cert ca nu provvedimento per accundendà la maggioranza nun lu volono piglià.

“Campana sì e sona”.

Nun se ne fott-n nemmen si sann ca hanna fàla stessa fina di Facciuto. (5)

Accuscì hann decis e accuscì hanna da gì li fatt’.

Savemm’ cangarche cosa adda gì storta, ca l’impruperie (rimproveri o meglio consigli) da na rrecchiagnetrasne da data gne iscn (6) , ma sante diavole, pur li sordi, ngarch vot sendono.

Gn’hamm ditt’, per esempio, ca li autobus hanna da turnà a piazza Sedile o inda li paraggi; gn’hamm ripetut ca queddi soste lunghe ‘mbera la stazione inferiore nun s’hanna da fà; gn’hamm fatt’ capì ca lu percorso nun s’adda da fermà a metà strara (vedi caso di queddi autobus ca sostano a Piazza Bologna pèer fine corsa, e chi l’ha piglià pe’ gì a li tre cangiedd’ cumm’ adda fa ?).

Gn’hamm spiegà ca li numeri hanna da essprogressivi e nun t’hanna mbriacà li cerviedd’ cu li rossi, li neri, li frazionati (1/2), li sbarrati, ecc…

St’ innovazion l’hann copià da lu servizio inappuntabbile ca fann a Roma, però sti cittadini nunn’hann capit ca la capitala è stà custrett a fà daccuscì pecchè, nonstande li barre, li sbarr, li color e dat insegne,lu numero degli autobus è arruà quasi a cinguecento.

Anghe si Putenza topograficamente nun si può cagnà, pecchè nun cupiamm’ li servizi ca si fanne inda a li paise di mundagna cumm’a Perugia ?

Amm’ savù ca avir fatt’ li prov per fà arruà lu tramm sotto lu palazzo dell’INA, ma quann la mettemm in atto la bella idea?

Pecchè nun si fann’ sparì tutte queddi machine cagn sò nnand a lu municipio -a proposito quann lu fascemm’ agibile?-da Corso XVIII Agosto, Corso Garibaldi, Via Mazzini, ecc..? Cumm’ cacchio v’è vunù inda a li cirviedd d’ fà la fermara menz nu crocevia vicino alla Chiesia d’ Santa Maria, nand’ a la schola professionale?

Vi sir fatt’ capace ca la fermara è pericolosa, nun solo pe’ li pedone ca scennen dall’autobus, ma per le machine che sagliono (salgono) senza rispettà lu stop dalla stazione superiore e si strusciano (si cozzano)-fin a quann’ gn và bone- cu quedd ca vénen da lu sptal (ospedale) vecchio, ca per nun perd’ tempo sorpassano arbitrariamente l’autobus ca propio dà s’ ha da fermà ?

Nun pensamm’ solo a enghie (riempire) Putenza di insegne “utili” indicatrici, ma veremm’ d’aggiustà stu benerett’ servizio ca fà acqua pieggie du nu scolabrore.

Agge scritt’pur a lu Sindaco e a lu Direttore della SITA per fargn capì stu dissesto; mendre lu primo cittadino ha avutt’ la cumbiacenza di invitarmi, di sendì li lamendele e di darmi raggione (senza però approdare a niende) lu suddett’ Direttore, mmece, ha fatto recchie da mercande: ie agge chiamà a coppa, iedd m’ha rispost’ a bastone.

Nu scrupolo tenemm’ sova lu stomaco ed è quedd ca disgraziatamende pur noie gn hamm’ contribuit a farli saglie sova lu tron.

Nun vulemm’ fà nisciuna cungettura (previsione), ma si li cos hanna rumanè sembe a stu post’, chi è responsabbile di stu disastro, anghe se si va discenn ca so stà presentare chiù vote li dimissioni, adda da savè ca luricivio (7) (le elezioni)gne sarrann’ nata vota.

Lo scritto è pubblicato su ‘Cronache di Potenza’ del 6.5.1982; in questo -come in altri- l’a. stesso traduce talune voci dialettali mettendo tra parentesi il termine in lingua, mentre propone la trascrizione del parlato, senza alcuna indicazione di fonetica, come per i verbi trasn e iscn.


Note
* Chiantudd o lagnizz è la stessa cosa: è più una lagna che una lamentazione, ovvero il mugugno classico del potentino.
1, chiaa, piaga piena di pus; 2, ‘ndrunar’, rintronato, rimbambito; 3, abbendà, riposare, fermarsi; 4 per li cacchi…, per i fatti loro il cervello ce l’hanno; 5, Facciuto, il nome di un criminale che fu l’ultimo giustiziato a Potenza nell’ultimo dopoguerra, prima che fosse abolita la pena di morte; 6, trasn…iscn, entrano…escono; 7, ricivio,che l’a. traduce elezioni, ma in dialetto potentino, comunemente sta per ricevuta.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu