I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu cundana di Taddon

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Tutti i potentini, almeno i meno giovani, parlano del Rione Castiedd’ (dove c’era il vecchio Ospedale San Carlo) e della cundana di Taddon, che ricorda tradizioni e costumi dell’intera città: solo pochi, però, conoscono chi era daverament’ la vita ca si passava inda sta via.

Somm’ a lu principio di stu secolo; miseria, pettegolezzi, e maladicenza, ca giorn’ pe’ giorn fà ca gienn’ crescenn cumm a nu bosco appicciare cu lu vent’a favore: fascircont’ ca queste érenle istituzioni essenziali per chi vulìa abbetà (1) ind’ a sta cundana.

Si lu temp’ era bone, la vita passava ‘mbere li pporte di ‘ngasa, addò li femmen , tra lu rappezz’ di na cavezetta e nu lavoro a maglia, citt’ citt’ runzuliavan (2) di amiche e cummare ca stascìenchiù lundane.

Mò, accumanzamme da ‘ngapa la cundana: prima, però, m’aggia scusà cu tutta la gente ca nun facc’ nomi, pecchè l’amnesia e… ati cose non m’aiutano.

Cumm’ stascia discenn’ a lu principio, sova lu viculo, addò mò gn’è lu Sacro Cuore, gn’era lu Cunvitto Nazionale Femminile, addù gn’era la prufussora di lingue, la signorina Ferretti ca era direttrice; vicino, ind’ a na specia dirodda (3), gn’era mast’ Francisch ca fascìa nott’ e giorn’ inda na miseria di garitta. Era nu povere Crist’, sfuttur’ da na uagliunama, pezzent’ tant’ ca lu cumpanaggio (4) l’assaggiava si e no na vota ogni quinnici giorni.

Sova a iedd, inda a nu stanzone che alumene nu mese all’ann duventava nu ceddar’, cu na frasca imponente nant’ a la porta per fà verè ca se vennìa lu vino paisan.

Accost, gn’era la morra (5) di muli di Cappiedd’, tutt’ affelar’ mur mur, accuscì cumm si férmanosce li machine inda li strare di Putenza, in pazienda attesa di turnà inda la stadda p’ girsenn (6) a rupusà d’oss, dopp’ na giurnara di fatìainda lu bosco di d’arioso.

La candina di Baccalà stascia giustemenz, tra lu vicul’ di San Luca e la cundana Taddon’; inda nu viculett’ affianco, stascìa don Ernest cu Zì accale; appress’ venìa lu purtone di Molinari, ca da lu matì alla notta, li figli armati di catarra, manduline e riganette, unite a na braculama di uagliò, ti duavan’ li cerviedd’.

Dopp’ a Cappiedd’, inda na cundanedda cecara (7), piccela piccela, gni stasciennmarir e migliera ch’érenmaestri di schola, ca nun puoi tenè a mment’ quanta centinara di sillabarie hann mis’ mmane a picceninn’ e uaglion , ca si so’ fatt rann e so’ duuntà operai, artigiani e professionisti.

Mbò chiù bascio, gn’era la spazzina, ca ‘ngraziann a Die, pè dengua nunn’ avìa niend’ da ammerià a quedda di Malaparte e Montanelli: anzi, era accuscì donga, ca tutta la strada Addone putìa ess’ scuara. (8)

Inda a nu suttangn’era la candina di Schiff, quedd’ ca fascezla finta di murì p’ verè si li familiari lu chiangìendaveramente.

A fianco, inda a n’atu suppuort’ (9), stascìa lu chiù misero essere umano c’aggio mai canusciù; mangha lu terzo monn’ gne sarrà uno uguale: povera Pupetta, morì stascennassettara, cumma a tutti li giorni, sova li scaloni di ‘ngasa sova, sempe cu la spranza di avè nu stozz’ di pane.

Subbito appress’, vis a vis, stascienn d’acqua santa e lu diavele, ovvero li sacri e li profani, vale a dire Muvimmece e li suore (10).

Tutt’ e doie tenevano, amodo loro, nu penzionato femminile; Muvimmece, p’ venì a magnà, sfilava cu li figliole da li persiane verdi, e li suore accumbagnavanle educande alla schola; comungue, puntualmente, si incontravan .

Dopp’ la petéa de l’ugliaral’ (11), gn’era nu stanzone cu nu suppign’ (12) addò lu Cantore, cu na morra di figli, stascìa di casa: faccifronte gn’era na specia di castiedd’ du lu cappellar’, n’abitazione sempe ‘nghiosa, ca parìa tetra e misteriosa. Vi abitava Rebecca, nò la prima moglie, ma di nu nghiaar (13) c’avìa lu pallino di sunà lu pianfort’, lu viuline, ecc.

Sott’ gne stascìa da na parte La Sala, lu falegname, dall’ata Garzillo, lu pittore: po’ venia Nesi, n’atu scarpar’, Patratern l’urtulano, mbò appress’ lu cumandande di li uardie municipal’ e queddu di li uardie daziarie.

Chiuddìa stugrupp’ lu scovastrarBi e Ba, ca era la vittima quotidiana delli sfottò di tutti.

A metà viculgne stascìa la famiglia Taddon, ca, senza offesa p’ nesciun, era tutt’ di alandom ; nand’ a loro, gn’era lupannacciar’ ambulande, ca s’arrangiava cu’ na morra di figli inda a nu pertuso di casa; alla fine della cundana, gn’era il famoso Macchia, patito per lu cando operistico, ca tutt’ li sante sere chi ne fascìa sente da queddu cannarozz !

Appress gn’era lu tugurio de Culnivr luscannaporci, po’ la stanzscedda du lattar-urtulanca se mettìa Scarola p’ sovrannome, di rimbett troneggiava la candina di Riviezzi, che tenìa a lu fianco li saloni de l’unione liberale, addò l’inverno si tenevano i grandi veglioni danzandi.

Cumm foss’ stà na caserma, da na banna chiuddìa la cundana l’ufficio leva per li cuscritti, e dall’ata, la pasticceria Caselli.

A fà la uardia di tutti, cumm nu radar, gn’era la stadda di Vicario, ca da via Pretoria sembrava ca vulìa ugghià (14) tutt’ quedd ca succerìa inda la cundana di Taddon.

Inda a stu quartiere, si gne dieva la signorilità di quedda famiglia c’ha appendeddà la strara (15), tutt’ dati érene spuulator’ (16), criticatori, a la quala fascia part’ io con i miei antenati.

Nun mangavan li risicatori riservati e suttili, tra li quali arrevurdamm’ solo quarcarun: lu Muzz’, il mio omonimo Pica, Florio, Caggian e tutti dat’ ca nunn’ aggio annumenat.

E manghn’hamma da scurdà ca la vita nosta, per tutt’ li lunghi ’inverni, passava inda a profondi, profondissimisuppuort’.

Pubblicato l’8.7.1982 su ‘Cronache di Lucania’

La famiglia Addone, presente a Potenza almeno dal ‘600, era una delle più ricche della città. Tranne il palazzotto avito degli Addone, nel vicolo e nei vicoletti trasversali (Addone I, Addone II, Addone III e Addone IV non più esistenti) c’erano soltanto case poverissime, con una quantità di sottani, tutti abitati fino all’epoca delrisanamento completo del rione, avvenutocirca trenta anni fa.

E’ interessante la galleria dei personaggi che Pica ricorda: occorre spiegare soltanto la storia del diavolo e dell’acqua santa. Muvimmece era l’agnome delsignor M……….,tenutario di una casa di tolleranza che all’epoca non era munita di cucina, per cui le ‘figliole’ ivi ospitate, ad una certa ora uscivano per andare in trattoria, e s’incontravano regolarmente con le altre ‘figliole’, dell’istituto religioso delle suore.

Per nulla esagerata la descrizione dei tanti animali che sostavano e passavano nei vicoli di Potenza; una morra intera era -ovviamente- custodita in apposita stalla, ma un mulo o un singolo asino, di notte era tenuto nello stesso locale ove abitava la famiglia proprietaria, e tutto questo era abituale in tutta la città, non solo nel vicolo Addone.

Note
* Nel dialetto potentino si trova il suffisso ‘d’, o raramente ‘t’ come in questo caso, che non ha motivo specifico di funzionalità: il cognome della famiglia che ha dato il nome al vicolo è stato sempre, senza incertezze, Addone.

1, abbetà, abitare; 2, runzuliavan, chiacchieravano a voce bassa, letteralmente sta per borbottavano; 3 rodda, antro, grotta (che l’a. traduce porcile); 4, cumpanagg, companatico; 5 morra, schiera, moltitudine; 6 girsenn, andarsene, e si pronunzia gir-senn; 7, cundanedda cecara, vicoletto cieco; 8, scùara, scopata; 9, suppuort, stanzino, 10,Muvimmece e li suore, vedi sopra; 11, petea d’ugliaral’, bottega del venditore di olio; 12, suppign, soffitta; 13, nghiaar, impiegato; 14, ugghià, guardare, osservare; 15ha appendedà la strara, ha dato il nome alla strada; 16, spuulator’, spigolatori, nel senso di impiccioni.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu