I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu muragione

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Verso la fina dell’anno scorso, mentre ca arrangava (1) p’ gì a truvà nu caro amico ngasa sova, mi convingiett’, strara fascenn, ca li vie di Putenza assumieglian sembre di chiù ad altrettande stadde (2): lu menefrechismo, l’inguria dell’amministrazione comunale e la manganza di controlli, imbedisce a lu cittadino pure di farsi na tranguilla camminata.

Sacchi di mennezza, rifiuti di ogni genere e lu ‘ngivile parcheggio di automezzi danneggiano non solo la comunità ma soprattutto chi tene na certa dietà (3).

Spero di non offendere i coetanei, ma si ne fascemm capace che nun semm chiù giovinotti e ca nun putemm chiù fà li zumbi (4), n’hamma da mette la cora ‘mmenz a li amm e n’hamma da cunvinge ca fare l’anziano osce è nu mestiere ‘mbussibile.

E li uardie chi gni stann’ a fa? Si ngarcarun nota stu abusivismo, fà finda di nun verè e tira diritto, p’ li fatt’ sove; si a nu uardio gne vene l’nfelice idea di fà lu proprio duere e di applicare le norme vigendi, può ess certo che s’adda piglià na ‘ngazzatura solenna, specie si segraziatamende ‘ndacca la suscettibilità di li persone toste.

Sti penzieri tenìa ngapa quann arruai nant’ alla cappelletta di San Gerardo di marmo, e mi pigliaz na cummozione e me venezin mende quann’ lu muraglione era na vera terrazzae belvedere di Putenza, e ti cunzulavi a condemblare lu verde, li ginestre in fiore, li boschi di alberi ca gienn da Poggio Cavadd alla Paddarera passann’ per Rifreddo, e, a d’atu lato, verso la Sellata gn’era la vista stupenda di Pierfaone.

Parìa ca Putenza era atturniata da na crona di alloro, e chiù luntan se verienn Vaglio eVignuola ca parevano mis cumm’ a doi garritte per fà la guardia a lu capoluogo lucano.

N’atu ‘ndrattien (5) sova lu muraglione, tutti li giorni, era lu giuovo a tozza-muro, addò li giovani e li mene giovani se la dasciennper cundendersi la miseria di ngarche cendesimo, e primatista di stu giuovo era queddu scurar (6) di Dunato lu ciuoto, lu quale pure di ‘uaragnarsi nu piezzo di pane, se fascìa ‘nzultà da chi putìa disporre della lira.

Quann arruai ngasa di l’amico, turnai alla realtà e mi cunvingiett’ ca per l’anziani,tutti sti cose so chiù tremende dell’arteriosclerosi ca n’aspetta, si nun è osce, sicuramende diman; trasiett’ inda la stanza e veriett’ tutta la mubilia scustata da li pareti, bicchieri, piatti e pusateria éren ammenzeddare (7) inda a tanda scatole di cartone, tant’ ca penzai ca l’amico stascìa p’ cagnà abitazione.

Pe’ duere di cortesia, anghe pecchè érem sott’ li feste di Natale, mi premurai di salutà e di porgere gli auguri alla patrona di casa, ma quannla veriett’ tutta rossa ‘mbaccia e cu lu tuccatino (8) attaccare ‘mbronda, penzai ca la signora stascìa poco bene, e foz nu duere addumannà a lu marir la natura du lu male.

La risposta foz immediata, una sola parola: paccìa.

Mi fascez capì, inzomma, ca la femmena nunn’era pazza realmende, ma pe’ nun tradì li vecchie usanze ca prima di Natale s’avienna da fà li lavori di pulizia generale, la casa era duventà cumm la giurnara du l’8 settembre, quanne cioè si fascienn li cagni di li abitazioni, dovuti per sfratti o ati motivi.

Mi fascez notà l’amico ca tutte sti pulizie érennecessarie pecchè li pavimendi antichi, fatt’ di mattoni,si sfarinavana forza di camminargne sova, e fascienn la provela. (9)

Osce, imbece, ca li pavimendi so tutti in cemendo levigato e se pulezzano cu li elettrodomestici a lu posto de li casalinghe, nungn’è bisogno di purtà la rivoluzione inda li case per na settimana, anghe pecchè si lava e si scopa tutti li giorni.

E tutti sti fatti l’avessema ammezzià (10) a li coppie giovani, ca nun canosciono li sacrifici per purtà ‘nant na casa.

Uno ad uno ritornano, nella memoria dell’a., le immagini di Potenza com’era: anche “San Gerardo di marmo”, come è ormai consacrato questo angolo di Potenza -per distinguerlo dalla chiesa omonima- è descritto già ingombro di traffico a quel tempo; eppure, rimaneva libero almeno un pezzetto di marciappier’ pergiocare a sotta-muro o tozza-muro.

Anche le ‘grandi pulizie’, che si facevano in ogni casa prima di Natale e di Pasqua, rientrano nel novero delle tradizioni potentine, insieme alla scadenza rituale dell’8 settembre per scasare.

Dattiloscritto del febbraio 1983; pubblicato il 10 2.1983 su ‘Cronache di Potenza’


Note
1, arrangava, arrancavo; 2, stadde, stalle; 3, dietà, età; 4, zumbi, salti; 5, ‘ndrattien, passatempo; 6, scurar, disgraziato; 7, ammenzeddare, ammonticchiate; 8, tuccatino, fazzolettone legato in testa,che fascia anche la fronte. Altrove è scritto tuccatina; 9, provela, polvere; 10, ammezzià, insegnare.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu