I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu piccilatiedd

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Da mber’ a Portasaveza a Castiedd, li putenzesi, p’ mett’ man (apprestarsi) a li feste natalizie, si murmuravanca a Santa Catarina la neva già era sova la spina e si discìa pure ca cumm si “Catarinava” (si festeggiava la santa) accuscì si “Natalizzava”.

Per nun fà nu torto a lu detto, li famiglie si aunavan, a turno, inda a case diverse, a siconda della viciniorità delle abitazioni, p’ accumingiare li feste di Natale e di Capo d’anno.

Era soprattutto motivo per passà in armunia tutto lu tempo di ciambuttamendo, dovuto agli l’inverni rigidi e nevosi ca tenenienn mbregnate li strare di neva, nonostande la solerzia di li scovastrare.(1)

Da lu 25 di nuvembre accumenzavan interminabili serate a giucà la tombola, lu sette e menz, la scopa e lu scopone.

Lu direttore d’orchestra, cioè lu dirigende du lu giuovo, era solitamende, per rispetto, lu nonno ca cu la pippa ‘ndartarara (2) di tabbacco stretta tra li dendi, oltre a ‘mbriacà l’ambiende cu la puzza de lu tringiato (3), poco e niende si fascìa capì quann chiamava li numeri della tombola.

Per niende, ad esempio, leggìa 6 mbece ca 9 e viceversa, e pieggioquann‘ndartagliava (4), in conseguenza du lu peretto di vino ca s’era futtù tra nu numero e n’ato e spizzeliava (5) li fave cotte.

Comungue, tale ‘mbrugliatina era motivo di ammuina e vivacità generale, pecchè ognarun vulìa ca lu numere estratto fosse quedd’ ca chiù gne fascìa comoto.

La posta in palio era di pochi cendesimi, ma nun se cuntavanli cavici tra li chiù giovani, pure a chi nun c’endrava, e apriti cielo si na stambata arruava sova lu stingo di na persona anziana.

Ati lagnizzi si verificavano pure durande lu giuovi di li carte, ca li chiù furbi fascienn risultà lu mazzo di 35 o di 46 carte; comungue gn’era sembre armunia e per fà mbò di sosta a lu giuovo, gn’era lu mumendo di pausa, quann lu padron di casa mettìa mano a lu mozzico (pane, vino e savicicchio).

Lu matì appresso, anguora sturdur di sonno, li giovani avienn da gì alla scola, e si éreninterrogati da lu maestro e nun savienn responn, si putìa esscerti ca la mazziata se la pigliavan sia a scola da lu maestro e sia da li genitori ch’érenstà preventivamende messi a corrente da Rocco Cicerone (lu bidello di li scole elementari).

A tale proposito mi ricordo cumm si foss’ osce, quannla maestra mia mi fascezli recchie rosse, solo pecchè nun avìa savù declinare nu verbo.

N’ata tradizione, forse la chiù importande, era la notte du lu ‘piccilatieddo’, quanne lu popolo

tutt’assieme gìa a li forni pubblici (tann’nun si usavan li elettrodomestici) per fò cuosce na panedda di pane chiena di mennele ca spuntavano sova la ciambella, e ca aviedda serv’da pane e da dolce.

Ati leccuzie (6) érenla cupeta (mennele ‘mpastate cu la mollica di pane e ciucculata)e la cruccanda (nu dolce di mennele cotte cu lu cacao); li uagliò s’arrubbavanin cucina li nuzzoli di prummecocche (7) pe’ giuà inda lu purtoni, oppure a ngliss nglossa inda la fossa, nu giuovo ca s’avienn fà arruvà li nuzzuli inda nu purtuso cu tre colpi di dita, e s’avienn annumenà li parole sova menzionate.

Cu tutta la miseria di queddi tembi, per devuzione la vigilia di Natale e di Capo d’annoavìa da ess rispettata cu l’attrippata (lu cenone), ca si fascìa pure inda li famiglie chiù umili.

N’atu divertimendo in voga era di fa scuppià li butticedde (piccole bombe di carta), assieme a li trich-trach ca fasciennchiù allegria, in quando, na vota appicciar, zigzagavano p’ d’aria e p’ nderra; nu scherzo chiù pesante, propio da incoscienti, era quanna lu mumendo opportuno si durrupavaindali ciuminere (8) sti maledetti trich-trach ca zumbavancondro li pareti de li camini e si trascinavanfuliggine sova li tielle addù gn’era la pasta ca stascìa cuscenn’, propio sova lu pranzo di queddi poveri disgraziar c’avienn gettà lu sanghna giurnata sana cu lu zappone.

Alla fine, la Pifania chiuddìa li feste e anghe li liti ca immangabilmende succerìentra li piccininni, quanns’avienna sparte (9) li giocattoli ca si truvavaninda li cavezette appese a lu camino; li riali ca la befana purtava la sera del 5 gennaio érencarbone e cenere, nu para di mandarini, tre o quatt ciucculatine, na gianduia e nu giucattuliedd ca putìa ess’ n’automobiletta di legno o na trumbetta di latta o qualch’ata cosetta che s’usava a quell’epoca.

Di veramente attraende e di grande senso artistico era la presentazione dei Presepi: quedd’ mis’ inda la navata della Cattedrale era opera del pittore Austino De Fino, ca si trasferì a Roma, dove chiù di na vota ha ritoccatotele e affreschi nella Città del Vaticano.

So’ furnù queddi tembi: tann era veramente la festa della famiglia, e osce, imbece, nonostande sfarzose luminarie, l’agiatezza e l’evoluzione, la famiglia s’è sparpagliata: li giovani, pe’ duarsi da sova li spadde lu peso di li anziani, se vann a fà li settimane bianche, o cunzumano li cenoni inda li ristorandi addù si fa chiù ammuina.

Inzomma, so’ furnù li tembi di quann la stella polare ti ndirizzava verso la rodda (10) addù truavi Maria, Puppino, lu Piccininno e ca materialmende univa parenti e amici.

Racconti o cronache sulle feste potentine di Natale e Capo d’anno, in genere, non se ne trovano, ed il motivo è semplice: si tratta di ricorrenze che soltanto nelle cerimonie sacre registravano momenti di partecipazione collettiva, mentre tutto il resto si svolgeva nell’intimità delle case.

Seppure i riti sono sempre gli stessi, anche dai particolari di questa cronaca-racconto si può notare la notevole differenza tra le abitudini di ieri e quelle di oggi.

Pubblicato il 17.2.1983 su ‘Cronache di Potenza’


Note
1, scovastrare, netturbino; 2, ‘ndartarara, intartarata, pregna; 3, tringiato, il tabacco sfuso detto ‘trinciato’; 4, ‘ndartagliava, farfugliava: 5, spizzeliava, spiluccava; 6, leccuzie, leccornie; 7, prummecocche, albicocche; 8, durrupava inda li ciuminiere, buttava dentro i caminetti; 9, sparte, dividersi; 10, rodda, antro, grotta.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu