I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu scurciaruol

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Ho ricordato queste brevi note per me stesso, perché mi tormenta l’anima sapere l’idea dell’abbandono della lingua dei miei antenati.

Nella stesura dei miei ricordi ho tentato di tutto per essere il piùfedele possibile ai fatti realmente accaduti, ma soprattutto mi preme narrare con quale idioma ho pronunciato (e con me tanti altri che oggi vogliono ignorarlo) le mie prime parole; e perciò mi sento in dovere di chiedere scusa a chi avrà la bontà e la pazienza di volermi seguire, anche se in alcuni casi non sono riuscito a svezzarmi così come era mio intendimento.

Uè Gerà, chi ne dì si fascessem felone alla schola, pe’ girn a svalià mbò, e p’ farn passà li càvel da ‘ndesta e p’ farn pure nu par di scurciaruol’ perun ?

Nun foz cosa ditta ca Gerard nun se lu fascez’ dì la siconda vota, e respunnez: Ruccù, mò gn’è lu vero e gn’è la ditta: migliera mia fascemmen uno, no marir’ mio, so’ mieglio doi. (1)

Attaccarem li libbr’ e li quaterni cu ‘mbò di zucariedda, e ne li calàrem inda a li cauzun, e po’, p’ sott’ l’arch’ di san Gerard, n’abbiarem cape abbadde per la strara di Macchia Rumana.

Per fà li celitech’ (2), ne venez’ lu magnamendo di testa (3), p’ nun dì nata cosa, di passà p’ nant’ a la schola d’art e mestieri; p’ ess’ anguora chiù straffuttend, traserem pure inda a la cantina di Russett ca sta faccifronte alla schola, e ne calarem nu becchieriedd’ perun di vin.

Nunn’accurgerem, ma da ‘ndreta la finestra di quedda beneretta schola ne stascia spienn queddu Giaravolo (4) du lu prufussor; nun gn’era anguora lu telefono inda li case, e per lu santissime sante diavele, mi mamma e queddda di Gerard lu veneren a savè all’ambrescia di quedd c’aviemm fatt.

O Dio mio, quann n’arreterarem la sera!Nun se putìen cuntà li rrubbeglie (5) ca averem e p’ tutt’ castie, n’averema gì a curcà pure diggiun.

Nun si contan po’ quanta schaffon averem (magari gni fossero anguora osce) lu giorno appress’ da queddu disgraziar di prufussor.

Nzomma, sova lu cott’ averem d’acqua bugliura: solo ca gne penza, mi pare di tenè anguora osce d’oss spezzar’ e chieno di livede.

Per nu fetende di felone, da devertmend c’avìa ess, ne ascerem cu d’uffel’ (6) rott’ e cu la noscia du lu codd’ spezzar.

Benerett’ però furono queddi mazziare, pecchè, pure si numm’ serv chiù a niende, mi fann’ rucurdà anguora lu teorema sovra li trianguli, ngarche puusiedda du lu fiorentino (7) e ngarcata cosa pure mi passa pu lu cerviedd’ e c’aggia dì: queddi paliate m’hann fatt’ avè tutt’ queddi belli cose ca vulìa.

Ma dasciamm’ sta li palate e la malingunia, e turnamm a quedd’ ca succerez’ fuora; sì, fuora pecchè tann’ Macchia Roma, anghe si la lundananza da lu viculo di Taddon’ è semp quedda, tann paria ca lu buschett’ era ‘ngasa di Crist. (8)

Navota arruar sova lu post, la prima cosa ca penzarem e fascerem foz’ quedda di ‘mbustà lu zacqual’ (9) p’ gne frecà d’uove appena si fosse allundanà da lu pagliar.

Lu fatt’ foz subbito: lu calandriedd’ (10), cumm a na sendenza menara (11), si piglia la zappa e s’abbìa alla fatìa inda a d’ort; noi, cumma a doi dannar, ne menarem inda alu uaddenar (12) e ne surchiarem nun solo tutte d’uove ca truvarem inda la paglia, ma ne futterem pure quedd’anzenga di strafuoo, pane e nu capetiedd’ di savcicchio ca s’era addutt’ (13) p’ fa la merenna.

Quedda giornara li addine nun cacliariaren (14) chiù, e lu panar rumanezvacand’; dopp’ tanta ggiri, passann’ant, baucìa e cavadd’ dongh (15), sturiarem di fa li scurciaruol ca tanta ammuina fascienn tra gli uagliò di tann, tant ca per celitecheria li purtavan cumma na schuppetta inda la sacca di ndret’ du lu cauzun.

Girarem sott’ e sova inda a queddi spetazz’ (16), e tant ne strazzarem e tant ne scurciarem, fign’ a quann truarem n’alberiedd di sammuca; gni tagliarem li ramescedd e li fascerem a piezz’ ca putienn ess di ‘na decina di centrimeti dune, e dopo ca gn’averem duà la merodda (17) da inda, truarem certi scropp, li fascerm cumma a mazzariedd e accumenzarem a pazzià, “la quale” cunzestìa a chi fascia gì chiù lundan lu stùppel ammuddar di spur’ (18), ca mettiem inda a lu purtus e ca po spingiemm’ di botta cu lu mazzariedd.

Arruarem ‘mbart a li doi (19) e penzarem ca n’aviemma quasi arreterà; strara fascenn’ ngundrarem nu braccialiedd’ cu na forra de mocch’ ca gni scurria da lu naso, cu duocchi abbuttar’ di chiand’, ca ne descez ca la maestra gn’avìa cangellà lu scritt pecchè nun avìa savù dì cumm aiutava a sassir inda li fatìe di li terre, e ne fascez legg’ lu tema.

Avìa scritt: “nu giorno io e mio patre andarimo con la carretta e lu cavadd’ per due foglie misch (20), qualche mazz di rape, di cavulett e ngarcata cosa a ventere. Una vota, il cavallo sciuugliò, allora mio patre colla frusta che la menava al cavallo per farlo aizare, ma lui niente. Allora mio patre sincazzò e disse: perché non taizzi, mocca a chi te biecchio ? (21)

Allora io per laiutare, lui da una sdanga e io da unaltra sdanga, tiro io e tira tu nun furimo cacchio d’aizarlo” .

P’ accundendarlo, gni rialarem nu scurciaruolo.

Stascia genn’ tutt bon, ma cumm arruarem sova la cundana di Taddone, accumengiarem a verè li auciedd’ di malaurio. Per prima cosa, ‘nguntrarem la bonalma di Faustin, lu sacrestano della chiesia di san Gerard, ca nunn’appena ne smicciaz (22), se mettez a tuculà cu la testa (avìa savù du lu felone) cumm si tann gn’afferrava lu tocch e ne uardaz’pure cumm si aviemm accise quarcarun, e quedda tuculara di testa ne mettez ‘nzuspett.

Cumm arruarem chiù mber alla cundana, verérem li ggent ca se ne gìen rerenn’, mia (23) di chiang’, da ngasa du nu mort’.

Chi era success: nu vecchiariedd, p’appurà si li figli lu viulienn daveramente bene e lu chiangìen, fascez’ la finta d’ess mort; li parendi, primma ca arruasse lu duttore Chiamizzo (24) lu créren trapassar, e tra na stizza di lacrema e nu lucch’, lu vesteren cu la murannedda (25) della festa, lu stenneren sova lu diett ca avienn mis mmenz’ a la casa, gn’appicciaren quatt’ cannele attorn, e se metteren a chiang’ forte, tant ca li striss arruaven peffign inda a lu purtone di Munzignore.

La letania ca gienn allucchenn era: “tata mia appendedda (26) li pieri ndreta la porta e nun te ne gì e nun te ne gì.”

Lu viecchio, cumm smicciaz cu na cora d’uocchi l’arracamuort ca se l’era venù a piglià, s’avezas cumm a na saietta da sovali cuérte, e se ne fuggez menz’ a la strara.

Desgrazia vulez, però, ca lu viecchio, dopp nu par di settimane,si sentez davero malamende e stennez li pier’; stavota li figli, p’ nunn’ess pigliar arreta p’ fess, nun gne crereren e lu rumaneren addù s’era attesà (27), e p’ quest’ la ggente e li familiari ca s’arrucurdaven di quant’ già era success, se n’ascìen rerenn’ da inda a quedda casa.

La giurnara nunn’era anguora furnù: scennenn’ chiù mber lu vicule, ne gerem a ‘ngundrà cu lu scovastràr (28), ca chissà chi l’avia sfuttù: “bi e ba adda iesce?” e stascìa letechenn cu mi mamma e cu samamma di Gerard, ca vulìa dà a noi doi la colpa.

Ma quedda giurnara era nara (29) malamenda, e pieggio stascìa fernenn’, pecchè Zaaglia, queddu di li durlogge, currìa ndreta a mi frà, ca lu vulìa pong’ cu lu curtiedd, solo pecchè gn’avia dumannà chi ora era.

Alla fenetoria (30), ‘mbonta di pier’ trasiett’ ngasa e giett’ terar terar nant’a lu scarabatt’ (31) ca stascia sova lu cumò, a preà la Maronna sott’ la campana di vitr’, ma la Maronna nun me stascez assent’ pecchè tanta fozen li palate c’aviett’, ca anguora mi send’ li dulori.

Si nun gne foss’ sta la spia di queddu prufussor, avriemm’ passà na giurnara inda la vendra della vacca, ca pecchè era pure sant’ Antuon “la quale” tutti li ciucci, senza nisciun sottindeso, dopp’ la benerizione du lu prevere, fascienn li giri attorn a la chiesia di san Gerard e poveri cristiani accavadd, pecchè éren tanta li mazzare c’avienn’ sova li duffel, ca s’arrecuglieven ngasa chiù mort ca vivi.

Si fuss anguora vivo Ciacià (32), putiemm savè quanta rubbeglie n’ asseccava iedd cu tutt’ lu ciuccio ca tenìa chien de chiae (33), zopp’ e cu la cora fragera. (34)

Pe nu fetende di scurciaruol’, accuscì passarem na giurnara di felone alla schola.

Tra i ricordi più lontani dell’infanzia, vi è quello del classico ‘filone’ a scuola, durante il quale i ragazzi cercavano un posto per non essere notati ed un mezzo per passare il tempo senza spendere soldi; erano tempi in cui era già un sacrificio notevole -per una famiglia modesta- mandare i figli a scuola anche dopo il corso delle elementari.

Nel racconto di quel mattino trascorso a gironzolare negli spetazz di Macchia Romana, oltre alla descrizione dello scurciaruol’, di cui aveva scritto anche Raffaele Riviello quasi un secolo prima, appare verosimile l’invenzione degli incontri col zacqual’ e poi col braccialiedd, due figure che -comunque- appaiono reali come tutto il resto dei particolari, rimasti nitidi e precisi nella mente del narratore.

La descrizione dei passatempi giovanili si incrocia con quella del finto defunto, di alcuni personaggi della cuntana Taddon ma soprattutto dell’antica (e dimenticata) festa di sant’Antuono: era la sagra dei contadini e mulattieri che facevano benedire le proprie bestie il giorno 17 di gennaio, per chiedere a sant’Antonio abate la grazia di concedere loro buona salute. Fino a tutto il ‘700, i torn (giri) si facevano intorno alla cappella del Santo, che si trovava a Montereale; dopo che lachiesetta fu sconsacrata e ridotta a polveriera militare, la cerimonia si svolse intorno alla Cattedrale, in cui era stata trasferita la statua del Santo..

In tutto il pezzo vi è una quantità di voci dialettali di notevole interesse: per tutti, lu durlogge, l’orologio; è noto che nel dialetto ‘putenzese’ di un tempo, la consonante ‘l’ era sostituita quasi sempre dalla ‘d’, e che diverse parole, quali dietà, durlogge, derrutt’, età, orologio, rutto, oltre all’eventuale articolo determinativo come per tutte le altre parole, avevano sempre il prefisso ‘d’.

Inoltre, da notare che cangellà (si usava anche scangellà) nel contesto significa proprio eliminare, scartare; anche il detto popolare migliera mia fascemmene une…. è poco noto, e, come si intuisce, contiene un salace doppio senso.

Questo dattiloscritto è datato luglio 1979 ed è il primo ad essere pubblicato su ‘Cronache di Potenza’, nel numero del 5.11.1981.


Note
1 lu vero e la ditta, modo di dire, che si comprende meglio se unito alla frase che segue: c’è quello che si dice e quello che si fa, quindi, fatto che fatto, è meglio farne una di più; 2 celitich’, in questo contesto, sta per smargiassi; 3, magnamendo di testa, capriccio, idea balorda; 4, Giaravolo, folletto, spiritello; 5, rubbeglie, botte, mazzate; 6, uffel, fianco; 7, ngarch puesiedda…, qualche poesiola; 8, ngasa di Crist, sta per un sito molto distante; 9, ‘mbustà luzacquale, attendere al varco lo zotico, il contadino; 10, calandriedd, giovinetto, da ‘piccola allodola’; 11 sendenza menara, iettatura imprecata; 12, uaddenar, gallinaio; 13, addutt’, portato; 14, caclarià, letteralmente ‘cacare’, ovvero fare le uova; 15, cavadd’ dongh, gioco tra ragazzi, 16, spetazz’, terreni brulli, incolti; 17, merodda, letteralmente midollo, ovvero la polpa del sambuco; 18, ammuddar de spur, rammolito con la saliva; 19, ‘mbart, all’incirca: è un termine desueto; 20 foglie misch’, erbe e verdure spontanee di campagna, che sono commestibili se bollite; 21, mocca a chi te biecchie, è una imprecazione, purgata dall’a.; 22, smicciaz, intravide; 23, mia, mica, invece di; 24, Chiamizzo, agnome della famiglia Padula; 25, murannedda, la ‘cambiata’, ovvero tutto il vestito; 26, appendedda, appoggia; 27, attesà, steso rigido; 28, scovastrar, spazzino; 29, nara, nata; 30 alla fenetoria, alla fine: anche questo è un termine desueto; 31, scarabatt’, scarabattolo, vetrinetta; 32, Ciacià, agnome di un mulattiere vissuto tra fine ‘800 e nei primi anni del 900 al borgo Portasalza, sinonimo di popolano arguto e simpatico; 33 chiae, piaghe; 34, fragera, fradicia.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]co.it

Torna ai contenuti | Torna al menu