I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu Tiatr Stabile

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

‘Ngalarsova na pultrona, smicciavo la televisione, ca trasmettìa la “Virva allegra” di Lehar.

La musica, i ricordi e la sclerosi mi fascienn scuffulà (1) ngarche lagrimiscedda, specie quann’ Danilo (ca lu fascìa Maurice Chevalier), steso sova na seggia, rievoca la finezza di “chez Maxim”.

All’anzacresa (2) trasez’ inda la stanza mi miglera, verett’ ca i’ stascìa afflitto e scunzular, e mi discez : ma come, Carnuale è mort’ da chiù du nu mese, e tu anguora lustai chiangenn!

Nun avìa afferrato la situazione e nun putìa capì la mia desolazione pecchè iedda, a queddi tembi, nonostande ca tenìa lu ziane ca era direttore du lu tiatr Stabile, nu lu frequentava e né si putìa permett da sola o in cumbagnia di amiche di entrare in sale di oneste divagazioni.

Li familiari, tutt’ femmene, nun s’azzardavanminimamende d’ addumannà lu permess’ ai genitori p’ gì da sole, p’ nun fa scuppià la guerra ngasa.

Srutulann’ lu film ca stascìa uardanno, la testa s’ enghiez (3) diricordidi come era la vita cinquanda, sessant’anni prima, e mi turnarenammente i viveurs dell’epoca ca s’avviavanverso Piazza Prefettura cu lu struscio di li scarpe eleganti, l’avana tra li dendi, cu tanda di caramella inda a n’uocchio e nu bastungino mmane.

Accumbagnavene le propie signore indulettar da capa mbere, arreseriar (4) cu elioganza e sfarzo di pretta marca aristocratico-provingiale.

L’immangabile passarella mi sembrava la sfilara ca osce fann’ li mannequin di alta moda, e ngarcun, p’ verè bone tutto lu spettacolo, fascià nu cirriglio (5) nnant’ l’albergo Lombardo, “la quale” (6), cumm si fossero tutt’ barbieri inda nu salone, menavanrasuiate ca ‘ndaccavan (7) chiù di la lama du lu patibolo.

Lu defilè vero e propio si fascìa inda lu foyer du lu tiatro medesimo, prima d’accumenzà la rappresentazione e dopp’, pure nell’intervallo; dà si putìa pure fumà, peffign’ li signore s’appicciavene la sigaretta, ma solo quelle della elìte potentina.

Inda lu tiatro, pultrone e palchi érentutti numerati, e si prenotavanper tembo: la pleba, della quale io fascia parte, s’accattava lu biglietto la sera stessa du lu spettacolo, p’ nu posto a lu luggione o a li palchi della terza fila.

Li maschere ca érenvesturin abito scuro, avienna da tenè tando di papillon e m’arrecorda ca Mast’ Canio, i fratelli Tosi e Parrucca fascienn tale servizio, mendre p’ la pucciunaia èrenaddetti zì Vito e zì Ndonio. (8)

Lu palco Reale, queddu centrale, era riservato al Prefetto e alle alte autorità; li divise elegandissime di li ufficiali del 29° Reggimento (9) fascienn’colpo.

L’orchestra era sistemata sotto lu palcoscenico na parte, e n’ata a cumbino (10) cu la prima fila di pultrone; gn’éren prufessuroni ca nun li digge tutt’ li nomi p’ rispetto di queddi ca mi putrìa scurdà.

Dopp’ la tourneè di li operette, interpretate da Serina Molasso, Leda Baldelli, Cettina Bianchi, Nanda Primavera, Elena Giusti, Nino Fleurville, Enzo Furlanetto, Luigi Bianchi, ecc., era la volta diTito Schipa, Toti dal Monte (ca era alle prime armi) e si sentiva la maraviglia di queddi note della Traviata, Rigoletto, la Tosca, Madama Butterfly ecc.

Po’ gn’era la prosa, cu Armando Falconi, Rosina Anselmi, Angelo Musco, Gilberto Govi, Emma e Irma Grammatica, Maldacea a tanti ati ca érencanusciurin tutt’ lu monn.

Osce hamma da sent’ lu tam tam della museca moderna, si museca volessere, ma cumm mai a distanza di nu seculo si canda anguora “O sole mio”, “O marinariello”, “Come pioveva”ecc.,e pure li canzoni di li festival dopp’ ngarche ann’ ne le semm’ scurdà?

E’ vero che lu “jazz” ha piglià lu post della “mazzurca”, però nunn’aggio anguora visto ca lu “rock” ha distrutt’ lu tango.

Cumm mai stu fenomeno?

Pubblicato il 31.3.1983 su ‘Cronache di Potenza’

Il Teatro Stabile, che fu costruito come tante opere pubbliche di Potenza in un lungo arco di tempo (dal 1857 al 1881), è stato il luogo di intrattenimento culturale della comunità potentina, almeno fino a quando non si sviluppò il cinematografo. Nella memoria storica della città si possono ricercare gli avvenimenti di un certo rilievo artistico che ebbero vita in questo locale ed i nomi delle innumerevoli compagnie teatrali che si sono avvicendate.

I ricordi di Pica sono suggestivi, in quanto è molto realistica la cronaca della ‘Potenza bene’ che frequentava anche il “Circolo Lucano” nell’immobile adiacente e che sfoggiava la sua provinciale eleganza. Visto con gli occhi di uno della pleba, che non era irridente, critico e tanto meno invidioso, il racconto, con tutti i suoi dettagli, è certamente veritiero.


Note
1, scuffulà, cadere; 2, all’anzacresa, all’improvviso; 3, s’enghiez, si riempì: 4, arreseriar, aggiustato, sistemato; 5, cirriglio, capannello; 6, la quale, un modo del linguaggio dialettale con cui si collegano due frasi, ovvero: per cui, pertanto; 7, ‘ndaccavan, intaccavano; 8, Mast Canio …etc., sono i nomi dei bigliettai, custodi e inservienti per molti decenni nel Teatro gestito da don Peppino Giugliano; 9, 29° Reggimento di Fanteria, il corpo di militari che rimase di stanza a Potenza dal1902 al 1929; 10, a cumbino, a confine; nel dialetto più antico, il termine era detto al femminile, la cumbina

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu