I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Lu verm - Lu 'mbicciuso

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Quann’ lu Patraterno s’abbendaz (1) dopp’ d’avè crià lu monn, gn’ arricciarenli carn a verè lu “rosp” e nun digg’ chi schifo gni fascez’ quannverez’striscià lu “verme”, ca chiù s’allunga e chiù ti vole frecà.

E mo’ vuoglio cuntà quedd’ ca mi succerez’ d’assist: nu giorno chieno di sole, ind’ a lu mese d’ febbraio: nu fetende di verme, p’ farsi crere mieglio di dati, se fascez’ venì lu magnamendo di capa (2) di s’ mettli taccule sott a’ li pieri e sova la neva ghianca, cumm’ a lu ggiglio, s’abbiaz’ da capa badde p’ farsi crere pur sciuugliatore.

Quanne arruaz’ a menza strara, forse ca era sturdù p’ lo chiatro (3), forse ca era annegghiar’ dall’aria, e chiù anguora pecch’ nun savìa gì sova li mazz’, fatt’ si è ca nu bell mumendo gez’ a sbatte cu lu tupp m’bronta a n’alberiedd.

Cumm Crist’ vulez’, mbò ruzzulenn, mbò striscienn, arruaz’ a badde la sciesa cu d’oss rott’, chieno di neva e tutt’ svurgugnar.

P’ se fa crer’ e p’ si fa piglià a cummiserazione, se mettez’a alluccà accuscì forte ca a mumenti gne carìa la uallera (4).

Si permettez’ pure di dì, p’ salvà quedda faccia di pragna (5), ca quaccaruno, dopp’ ca s’era strafuà, p’ fargne despiett’ avìa ònt’ la neva cu la scorza du lu savecicchio e du lu pezzende (6), “la quale” gn’ avìa arruvenà la sciuugliara.

Gn’è lu vero e gn’e la ditta (7): lu verme schifoso era quannfoz‘mbastare chiù puzzulende diventaz’ quannfascez’ rann.

Avìa raggione queddu alandomca scrivez (nu lu fasceren ammezzià (8) alla schola) ca quannlu prevere, mendre caleggìa la messale smicciaz’ cu la cora d’uocchio lu verme, lu cecaz’ cu na ponda d’ mbrell’.

Questo scritto di Pica, dattiloscritto inedito del 1981, è la narrazione -peraltro abbastanza ermetica- diun fatto banale, riferibile ad una persona che rimane innominata.

E’ il ricordo dei tanti ragazzi che negli anni del dopo guerra, il periodo in cui quasi tutti versavano in ristrettezze economiche, andava a ‘sciare’ sulla neve con mezzi di fortuna come semplici tavolette al posto degli sci, o con un grosso bacile che fungeva da slittino: è un quadretto perfettamente aderente alla realtà dell’epoca.

Rimane oscura la correlazione (se vi può essere) tra l’essere immondo (il verme) ed il ragazzo che pecca soltanto di spavalderia e presunzione, come pure quella tra Dio ed il prete. Questo scritto contiene, peraltro, voci originali del vernacolo: farsi venire nu magnamendo di capa, in contesti diversi significa averepreoccupazione, arrovellarsi il cervello, avere un ghiribizzo, avere intenzione. Anche il verbo ammezzià ed il termine pragna sono voci desuete.

Nel gennaio del 1983 Sica ha pubblicato, sempre in ‘Cronache di Potenza’, Lu mbicciuso, che riprende il tema del verme, riferito ad un non meglio identificato tizio, di cui sono perse le tracce, ca era chieno di manie di grandezza, nun savìa fà quasi niende, si vulìa fà crere na vittima, ma allo stesso tempo e modo du lu vermo, vulìa frecà i suoi simili.

Tra le voci in vernacolo: s’incruccaz’ li tavulette sotta a li piedi, si mise (agganciò) gli sci.


Note
1, s’abbendaz, si fermò, si riposò; 2, magnamendo di capa,in senso lato sta per intenzione, proposito: nel contesto si può tradurre idea balorda; 3, chiatro, gelo, freddo intenso; 4, uallera, ernia; 5, pragna, marciume, roba da schifare; 6, pezzende, salsiccia povera, fatta con i residui della carne di maiale; 7, lu vero e la ditta, la verità e la diceria; 8, ammezzià, significa sia imparare che insegnare

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu