I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Mo somm tutt alandom

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazz pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Chi chi e chi meno savemm’ tutti legg’ e scrive.

A d so chi queddi bracciali ca cu la capezza mman’, cu lu ciucc’ zopp e chieni di chiaie (1) s’arreteravanla sera strutt, stracq e cunsumar’. p’ se magn, attorn a lu brasciere, n’anzenga di strafuoo, e p’ si g a curc cu na cevodda ‘nganna, na spina di fruschela (2) inda li dent’, e nu bicchier di vino ‘nguorp.

A d gi a fn Sciasciull, quann da lu Tito o da Pietraadda arracava sova la carretta queddi barrili chieni di vino ca Lamuea, Giagni, Racana e Sparacannone vennienn zemmla (3) a li fave cotte e fascienn ‘mbriac menza Putenza.

Chi addore mannavan queddi scanate di pane ca iscienn da lu forn di Triminiedd e di Chiodd Chiodd. Te!

Queddi ruccul’ a la vampa cumm’ t’arricriavan, e cumm’ ren allegri queddi lagnizzi ca si sentiennviscino a li case di Ciunnedda (4) quann’ era tembo della pisarura. (5)

Mo somm tutt alandom.

M’arrevorda cumm si foss’ osce quann sova la cuntana di Muccett (6) e sotta l’arc di San Gerard veriemm lu tramond’ du lu sole ca si presendava bell’ e t’ammetavalu giorne appress pe’ g a gliott’ (7) sott’ lu pont di li nove luci.

Per la stessa strara du lu Muccett’ poveri ciucc lu giorno di sant’Antuon, quann fascienn li torn’ ca mmece di rengrazi lu Sant’, n’asseccavandi rubbeglie! (8)

Mo somm tutt alandom:

A du s gi a fn li ceddari cu tant’ di frasca ‘nnand a la porta ca venniennlu vino paisano? M pure lu pane ven’ da li pais viscini, lu ruccul lu chiaman“pizza” e li ceddari s “Bottiglierie”.

Mo somm tutt alandom.

A temp antich’, dopp tanta pruggett’ e tanta stringitur’ (9) si ga a Fonda e alla Maronna di Vignuola, a cavadd’ a lu trano, candann’ li litanie e bevenn’ becchieri di vino.

M pure lu zaqquale s’accatta la machina p’ g tutti li dumeniche a lu mare, a Pestum o a Metaponto. Te!

Die ce ne libbera si m ‘ndavela nun gn’ la carna, la ‘nzalata e la buttiglia du lu vino cu tanda d’emblema appezzear’, e uaisi alla festa nu gne sta pure lu pasticciott.

Somm tutt alandom.

M’arrecord’ quann la bonanema di nonn’ mio mi disca: “uagli, statt attend’ quann lu braccial s’ mis’ la lenda sova lu naso”.

E nun ava tuort.

Vire inda a sti uffici tandi di queddi cani ca la uerra ha fatt’ alandom; si fann crere quedd ca nun so, e pozza sperg’sit’abbesogna nu servizio da loro.

Ava raggion’ sant’ Pietro quann vula ca li bracciali l’ava f nasce cu d’uocchi sova li genocchi, accusc quann passavan inda li spine, s’avienna ngecan.

A chi nun vene a mmente la festa di san Gerard, cu la sfilara di li turchi la sera ‘nnand du lu trenta magg’ e la prucessione cu tutti li santi di Putenza lu giorno du lu protettore, ca vena accumpagnar’ da doi o tre bande e da li spari di crisommele (10), ca li lastre di li finestre e di li balcon tanda sunavanca para nu terramoto.

E chi s’arrecorda quann a san Rocch, cu li turtiere di crapett’, la fesina chiena di marruche e cu lu perett’ (1)1 di vin, veriennlu fuoco da sova la scarpara du lu pont di li cacciatori fino a quann se schiara lu giorno appress.

Prima se ga alla scola d’art e mestieri e m chi nun va a lu liceo nu gnurande.

Somm tutt alandom.

M pure li braccialied si s ‘ngiundul. Fuurt’ (12) ca a lu post de la naca mmenz’ a d’aria (13) gn’hann mis lu carrozzino. Pure a Montereale, quann se giuava a lu pallone, li figliuledd’ ca verevanla partita, li putive cund sova li dir’ de na mana e passavanp’ tanta ciliteche (14) ; m mecce te li vire a centenara abbasc’ a lu camp sportivo, cu lu muss’ chieno di musture (15) e cu d’uocchi ca mi pare la cannelora, e alluccan’ cumm’ a tanta pacce.

Somm tutt alandom.

Navota gn’era sol Ndunin cu li cavegli dongh chieni de procchi (16) , m mece nun sai inda a sta strara si so femmen o banom, paren tanta vaiasse e facca tann’ gn’afferra lu tocch. E nunne parlamm’ di quedd’ ca se cumbina inda li ville e inda lu cinema….

Somm tutt alandom.

Questa la prima delle satire di Pica sul modo di vivere dei suoi concittadini, uno degli argomenti principali di tutta sua la produzione.

E’ un dattiloscritto inedito che porta la data del 26 ottobre 1957, ripreso ed ampliato in altro scritto senza data, con alcune differenze linguistiche rispetto al primo: ad esempio, invece di nu bicchier scritto nu ciuol’, un orciuolo; al posto di‘ngiundul, si trova n’gentluzz, che sta per ingentilito, incivilito.

Sulla voce alandom vi tutta una letteratura: quella sul personaggio della buona borghesia, il benestante che ‘vive del suo’, come si diceva, e si poneva al di sopra degli altri ceti, e quella sui galantuomini finti: nella comunit potentina, abbastanza ristretta mezzo secolo fa, tra i signori ‘per bene’ si individuavano facilmente quelli che facevano di tutto per apparire tali.

In altri scritti, pi avanti, si ritrova lo stesso argomento di satira, mirata agli atteggiamenti e comportamenti di persone anche di altre classi sociali: il bracciale che si sente importante cu la lenda sova lu nase; l’impiegatuccio cha fa lu cano nel suo ufficio, i ricch busugnusi, i poltronisti, eccetera.

Riaffiorano, nella memoria di Pica, i torn di sant’Antuon (per i quali si rimanda ad altro scritto), lo scomparso vicolo Muccetto, le cantine improvvisate con la frasca e la bannera, ovvero gli stessi sottani ove i vignaiuoli (che vi abitavano) vendevano il loro vino; la festa di San Rocco che si gustava dalla scarpata alta di Via R. Acerenza, al ponte dei cacciatori..

Tra le voci dialettali da sottolineare stringitur’, che comunemente sta per vinello, mentre poco noto il significato di ristrettezza economica, sacrificio finanziario.



Note
1, chiaie, piaghe; 2, fruschela, una voce con diversi significati: piccolo animale o bambino, ma anche per cosa piccola, di poco conto. In questo contesto sta per pezzetto di baccal; 3, zemmla, insieme; 4 Ciunnedda, Ciunnella, soprannome della famiglia Pace che abitava nella valle sotto Montereale, sui terreni ove si svolgeva la fiera autunnale degli animali; 5, pisarura, trebbiatura; 6, Cuntana Muccett, vicolo non pi esistente che univa via Pretoria a Via Vescovado; 7, gliott’, fare una mangiata; 8, rubbeglie, botte, bastonate; 9, stringitur’, sacrificio finanziario, economia; 10, crisommele, il botto dei fuochi d’artificio, ma significa anche cazzotto: in altri dialetti sta per albicocca; 11, perett’, damigianetta; 12, fuurt’, figurati; 13, naca, culla: si usava tenere la culla sospesa in aria, legata al soffitto o legata ad un ramo d’albero all’aperto, perche non potessero avvicinarsi animali; 14, ciliteche, chiacchierone, perditempo; 15, musture, trucco; 16, Ndunin era un personaggio: senza occupazione, stava sempre a passeggiare in Via Pretoria, con i capelli impomatati di brillantina, vestito tutto di nero, e dall’insieme di questa ‘toilette’, si immaginava che sotto i capelli lunghi avesse i pidocchi.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu