I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Povera atletica (I parte - II parte)

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzà pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Sono consapevole cheil dialetto, così come l’ho appreso, lo parlo e lo scrivo,è difficile leggerlo.

Debbo dire mio malgrado, che nèDanzi, noto poeta, e tanto meno gli altri assertori del nostro idioma dai quali credo di aver appreso l’etimologia del nostro frasario, hanno mai compilato o lasciato ai posteri una vera e propria nomenclatura.

Debbo anche far notare che i pochi episodi, da me raccontati, dovevano essere letti esclusivamente da commentatori della RAI e dalla TV locale, conoscitori del nostro linguaggio.

Il 23.11.1981, in occasione della rassegna fotografica sulla distruzione del raccapricciante sisma dello scorso anno (ancora complimenti all’amico Aldo La Capra e al suo valido collaboratore Massimo Carriero, anche per il felicissimo attico dallo stile perfettamente Marguttiano-Bohemien), un noto noto scrittore contemporaneo lucano mi ha fatto giustamente osservare che, se rendessi un pò accomodanti i nostri vocaboli, sarei più compreso.

Consiglio esatto che cercherò di mettere in atto già da questo breve racconto.

Vulia parlà di li cavciaiuoli ma siccome ca Putenza è chiena di Pozzi (vecchio e glorioso commissario tecnico di quann l’Italia vengìa i campionati del mondo) e di Bruno Roghi (competente giornalista e poeta) aggiopenzà di durrparm (1) sova l’atletica, anghe pecchè la palla inda lu cest’ va bone, accuscì cumm va bone la pallavol, lu ciclismo, li tennisti e mbò men, i boxatori.

La ginnastica cu l’attrezz’ è rumasa ndret’, cum’ la scherma e ngarcata cusaredda anguora.

Lu strazio psand (2) è l’atletica addò proprio ie aggio cumbenà tanda di queddi uai, ca na rrotta d’ossa nisciun ma l’aviedda da duà.

Nu m ndenn (3) di letteratura, ma mi sembra ca n’avota nu cristiano screvez la “Quieta dopp’ la Tumbesta”, ma inda l’atletica nostra è solo tumbesta, anzi,p’ ess’ in tema attuale, èterramoto.

A cumbenà sta ruina so’ stà propio io, ca quann’ero nagarcun, mi dasciett assai da fàper l’elezione, accummenzann’ dalla nomina du lu presidente di li presidenti; dopp’, quann duaimana (4), me battiett’ pe’ cunsegnargn’ lu mazzariedd’(5) alli attuali dirigendi, ca grazia a Dio,da lu 1960 nunn’hann fatt’ ato ca urbuà (6) sta povera atletica.

Cumm mi chiange lu cuore e quanda sc-caff mi merita.

Cumm è trist nun verè chiù corre e savtà, cumma na vota, li giovani.

Mo tenemm -bene o mal- chiù cambi sportivi e chiù l’attività nun se ne fà.

A Rocch Cicerone e a li fessa hanna da fa capì ca si li cambi nun so’regolari, niende si pò fà.

A sti alandomi gne vuoglio dire ca la propaganda, la scolastica-eserct (7) e dati diavoli anguora si pò fà pure menz’ li strare e inda li chiazze.

L’utm dret’ (8), sova li cambi a du discene ca nun si pò fa niende, vole dì ca se si batt’ nu primato, vuless lu ciel, nun se ne tene condo; lu uagliò, si è bone, lu record lu pò fà pure sova a qualsiasi pista d’Italia.

E’ vere ca tenemm’ nu campioncino (Sabia) -peccar ca è nar (nato) inda a stimundagne ca sochiù fredde di li persone ca l’abitano- ma cari alandom della FIDAL, savir benissimo ca na rondina nun fà primavera.

Discirem’ (ditemi) nu poch’ chi, logicamende, all’altezza du lu compito, lu segue dopp’ gli allenamendi colleggiali?

Vi sir mai resi condo di quandi ati (9) Sabia putrienne iesc inda na terra vergina cumma la nostra a du la giovendù gagliarda, viva e sana è cundannara da chi adda send lu duere (11) di farla appasionà e di nun fargn’ fà li fonge menz li chiazze o inda li bar a du annuselann la mus-ca si fa piglià da lu male di San Drunat (Donato)?

P’ stu forte assendeismo dirigenziale, la giuvendù nunn’ha nisciuna possibilità di verè realizzare lu reale valore della sova meravigliosa putenza fisica.

E’ mai cungepibbl’ ca qui nu gnè chiù nisciune per scuotere e per ‘nviammà sti baldi giovini e menarl’ (indurli) inda a na sana cumpetiziona atletica?

Chi cacchio gne stann’ a fà sti dirigend?

Sacc’ ca li tembi so’ cagnà e sacc’ pure ca gnè anguora ngarcun ca la penza all’antica e disce: “lu sport nunn’è civiltà, bensì curruzione, scanza fatich’ e cu l’atletica nun si uaragna niende. Gnadda gì bone p’avè na meraglia si lu uagliò vinge”.

Nunn’è quest’ lu pund’ e nun vurria ess male capito: i so decisamende cundrario alla gnuranza di na vota, ma nun zo mangh tant favurevol a chi si piglia- pe’ furtuna so pochi - lu diploma o la laurea fatta a ciclostyl inda a lu stess modo di cumm se svndln’ (12) li titl’ onorifich.

M’addumanna, cumm’è ca prima iescienn li Volta, li Marconi, li Pirandelli, li Pitagora, li Croce e tandissimi ati grand’uomini, mendre osce queddi ca hann la testa quadrara fann’ tutt lu possibbl’ p’ fà sparì lu monn ?

Cumm si spiega lu fatt’ ca cu tutt’ sta scienza ca gn’è ngir, cu tutt’ st’inflaziona di cultura li poltron di li cinema, li peslett di menz’ li strare, li lambioni ch i pal d la luc elettrica (13) e tanda diavol-rie anguora, beni di tutti quandi, hanna da ess rotti?

E’ sadismo (si disce d’accuscì chi s’arricria verenne suffrì dati?) tutta sta rruina ?

Vegg’ cami stagge mbriacann’ e iescienn fuor’ argumendo.

Torn’ a lu pundo ca mi sò prefiss. Nun pozz crere ca pure osce la corsa all’appera ‘nzemmla (in abbinamento) a lu pal della cuccagna, a la corsa sova li ciucci, lu tirassegno fann part’ de l’atletica accuscì cumm se cungepìa in tembi antichi. Si s dieva Putenza -poche gare studentesche, una manifestazione eserct-scuola e ngarcata ‘mbrovvsara curs scedda (corsetta) chi s’è fatt’ chiù? -e Matera- pur quiche che se ne disce - s’è fatt’ poco lu ‘ngondro (l’incontro a carattere interregionale- nun po’ fa test, e addu chiù s’è viste na parvenza di gare? Inda a dati comuni della regione chi s’è fatt’ d’atletica? - Niende.

In contraddizione con se stesso, l’a. proprio in questo pezzo non rende ‘accomodante’, cioè più comprensibile, la grafica dei termini usati; ad esempio, scrive nu-m-n-denn, che vuol dire non me ne intendo.

E’ evidente che l’ a. si lascia prende dal tema che gli sta molto a cuore e scrive di getto.

Nelle note che seguono sono ‘tradotte’ le voci e le frasi scritte davvero in maniera ermetica.

Questo discorso sulla vita sportiva cittadina è svolto in due pezzi, pubblicati su ‘Cronache di Potenza’ del 17.12.1981 e del 21.1.1982.


Note
1, durrparm, (addurruparme) significa buttarmi; 2, psand , pesante; 3, nu-m-n-denn, non me ne intendo; 4, duai mane, levai mano, cessai; mett mane significa cominciare; 5, cunsgnargn lu mazzariedd,passargli il testimone della staffetta, quindi sta per lasciare il compito, passare mano; 6, urbuà, seppellire; 7, scolastica-eserct, sta per l’attività sportiva che gli studenti potentini svolgevano inisieme (o in competizione) con i soldati della locale caserma; 8, l’ utm dret, sta per come ultima cosa, infine; 9, quandi ati, quanti altri; 10, adda send lu duer, deve sentire il dovere; 11, svndln, una parola di sole consonanti: dovrebbe scriversi svendelene, con le ultime due ‘e’ mute, col significato letterale di sventolano, buttano all’aria, che lo stesso a. traduce ‘rilasciano’; 13, li lambioni ch i pal d la luc, i lampioni con i pali della luce.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu