I dialetti Galloitalici della Basilicata


Vai ai contenuti

Menu principale:


Via Pretoria

Dire > Racconti > Potenza - "Amm fatt ngazzÓ pur a San Gerardo"

Antologia di scritti in dialetto potentino di Salvatore Pica a cura di Vincenzo Perretti

Sembrava via Tuledo ndulettara, tant ca era pulita, bella amichevole e socievole.

Tutti li balconi e li finestre erano chieni di fiori e lu profumo arruava fin a ‘mbere la strara.

Li vetrine erano ammirate per la loro semplicitÓ e modestia. La genda camminava e fascýa lu struscio, attenda a nun dÓ fastirio a dati cittadini. Gn’era, ‘nzomma, rispetto reciproco.

Questa era via Pretoria, la strara chi¨ vecchia e cunusciura della Lucania: sta murenn, si nunn’Ŕ gia morta, no p’ lu scarpesio giurnaliero, bensý da quann tutt’ lu sistema sociale Ŕ accumenzÓ a cagnÓ.

Di li vecchie putee (1) s’Ŕ perso lu ricordo: ne so’ rumase poche; li cirrigli (2) ca si fascýene nand’ a l’albergo Lombardo, nand’ na farmacia e nand’ a na libreria, nu gne so’ chi¨.

Erano tempi di li critiche (a puterle sentý, li vestiti s’accurciavano) ca ti fascienn passÓ li cacchi per la testa. La neva nunn’appena s’appuggiava sova li basele (lastre di pietra cumm’era via Pretoria di tann) venýa subbito duÓra (3), e si camminava cumm si niende foss’ success’.

Mo’, cu tutti li mezzi moderni a disposizione, si tutt’ va bene s’adda ciambuttÓ per giorni interi.

Di chi Ŕ la culpanza di tale negligenza? Nu poco di tutti, ma soprattutto di li person preposti a stu servizio.

Quaccaruno va discenn (ma nunnŔ vero) ca li sindacati difendono quest’ e quedd e ca li banomi nun si truovano, ma a sta barzelletta mangh’ Rocco Cicerono, si foss’ vivo, gne crederria.

Navota la strara era illuminata a giorno e li signori fascýen lu defilŔe, mendre li giovani arruavan a passeggiÓ fascenn’ fÓ quasi giorno. M˛ anghe se i negoziandi so’ passÓ all’offensiva e quann nun gne s˛ li vetrine con li luci appicciare, t’haia da sta accort’ si nun vuoi azzuppÓ cu lu tuppo mbaccia a ngarch ndroppico. (4)

Te ne priescie solo guardann la sfarzosa illuminazione di li loculi du lu campsand’ nuovo di “Bugaletto” (impropriamente nominata “la Cittadella”) da d˛ li luci stess’ ti fanno sembrÓ nu vero e proprio albero di Natale palesar’ a festa e curcar’ p’ nderra.

I’ staggio a via Pretoria da quann’ so’ nar’, ma m˛ m’accorgo semb di chi¨ lu declino di sta straraantica , dadd˛ so’ passÓ uomini illustri di ogni condizione.

Da prima nun s ‘ngalava (5) e nun se verýa p ‘nderra chi Ŕ nu foglio di carta: osce, mmece, li catast di li rifiuti si ammenzzeddano (6) p’ inda ali vicoli e sova la strara stessa.

Prima gn’era l’addore di li fiori, m˛ gnŔ la puzza; navota la via era elegante e oggi si fÓ a gara a chi Ŕ chi¨ originale in senso negativo.

Prima gn’era la paglietta, lu cilindro, li bastungini, li ghett’, lu pipistrello -elegante cappotto d’un tempo-, li calosce, ecc... e gn’era ritegno e rispett’: mo’ ca li tempi so cagnÓ, gn’Ŕ lu blu geens e gni s˛ li spende, scatapende, li scarpesare e li asteme a strafott’. (7)

Allora, miei cari signori, turnamm a nu poco di educazione ca Ŕ semb’ bene accetta e non ha limiti a nessuno sfondo sociale.

Inda li giorni di carnual, la via s’enghýa di coriandoli e di stelle filand’, ca con delicatezzae garbo venienn langiati sova li uagliungedd (ragazze);osce, quanne gn’Ŕ la neva, t’adda da gý bone si t’arriva inda li rrecchie o ndret’ na spadda nu paddarone.

M˛, nunn’e ca vulemm turnÓ a temb’ antichi, ma cercamm’ solo di respettÓ l’anziani, li andicappati e li femmine stesse.

Prima, quann li persone s’incontravano, si fascýen tand di salamelecchi e riverenze, e si era nu pruussor’ o ngarche signora, ne duavem’ tanda di cappiedd’.

Li temb’, pe’ legge naturale, avienna da cagnÓ e s˛ cagnÓ. Nun digg’ ca n’amma da duÓ coppola e cappiedd, ma sant’ diavolo, vurriemm’ capý pecchŔ li giovani di oggi hanna da alluccÓ, astemÓ e turpilocano a vosce avta, s’appizzicane, s’abbracciene, se basciene pe’ la strara cumm si fossero tanta Giulietta e Romeo?

Nun vi digg’, po’, cumm’ vann’ vusture: fanne a gara chi si cuncerta pieggio.

Co quest’ chi volono dimostrÓ? Capisco bene ca nun so’ li temb di quann Úrenquasi tutt’ gnuranti e m’arrevorda ca sotto le armi lu chi¨ di li vote avýa da legg’ e da scrive li lettere di li commilitoni; osce lu chi¨ analfabeta tene lu diploma e allora pecchŔ stu caos ingiustificato?

Chi male hann fatto li poltrone di li cinema, i pisilett’, li globi di menza la strara (8), ecc… ca hanna da ess’ sfasciar?

Canosco molti giovani ca per cultura, intelligenza e per professionalitÓ

Ponn’ dÓ punti alli vecchie generazione, e sti uagli˛ s’hann’ da cunvingeca s’anna turnÓ al sistema antico e a migliorÓ la situazione ca, d’altro canto, Ŕ simbolo di civiltÓ e di bellezza incommensurabile.

Turnamm e fascemm’ scetÓla vecchia via Pretoria.

Questo Ŕ scritto Ŕ tutto un mugugno, ovvero il classico atteggiamento di molti potentini, specie tra gli anziani, educati al rispetto per gli altri e verso i beni della comunitÓ.

Nel disegno (forse un po’ utopico) di una societÓ sana e civile che conservi i tratti migliori del suo passato, la critica dell’a. comprende i compaesani di ogni ceto (coppele e cappiedd), rivangando ricordi di ‘pagliette’ e ‘cilindri’, ovvero un pizzico di eleganza provinciale che non c’Ŕ pi¨.

Bucaletto, la Cittadella-Cimitero vista come un albero di Natale illuminato (ma coricato per terra, perchÚ quella Ŕ l’impressione per chi lo guarda dall’alto della collina) Ŕ una immagine sarcastica e fantasiosa allo stesso tempo; pi¨ avanti l’a. ritornerÓ sullo stesso argomento.

Pubblicato su ‘Cronache di Potenza’ dell’ 11.3.1982


Note
1, putee, botteghe; 2, cirrigli, gruppi di persone; 3, d¨ara, levata, rimossa; 4, azzuppÓ cu lutuppo mbaccia a ngarche ndroppeche, sbattere con la testa in fronte a qualche ostacolo; 5, s’ ngalava, si buttava; 6, ammenzzeddano, accumulano; AmmenzeddÓ Ŕ un verbo desueto, che letteralmente significaammonticchiare, mentre scetÓ, -all’ultimo rigo del testo- Ŕ un termine napoletano; 7, spende….., spinte, spintoni, pedate e bestemmie a iosa; 8, pisiletti e globi, sedili pubblici e lampioni pubblici a forma di globo.

Home Page | I Comuni | Dire | Fare | Vedere | Studiare | Contattaci | Segnalazioni | I link | Mappa del sito


I dialetti dei Comuni Galloitalici della Basilicata | [email protected]

Torna ai contenuti | Torna al menu